rotate-mobile
Cronaca

Covid-19, resta vietato l'asporto di alcol dopo le 22: prima dell'emergenza, boom di coma etilici

Nei mesi scorsi, prima del Covid, al Pronto soccorso del Cardarelli, sono arrivati per intossicazione alcolica o in coma etilico, 37 ragazzi, 20 dei quali fra gli 11 e i 17 anni

Rimane vietata la vendita d'asporto dell'alcol dopo le 22 in Campania. A confermarlo, la decisione di oggi del Tar Campania: è previsto orario illimitato per pizzerie, pub e ristoranti, mentre per i bar, dopo le 22, vige il divieto di vendere alcolici da asporto. Dopo questo orario, gli alcolici possono essere consumati o al tavolo o al banco, secondo le norme di distanziamento.

La nota dell'Unità di Crisi

L'Unità di Crisi ricorda che nei mesi scorsi, prima del Covid, al Pronto soccorso del Cardarelli, sono arrivati per intossicazione alcolica o in coma etilico, 37 ragazzi,  20 dei quali fra gli 11 e i 17 anni. Al Santobono si sono registrati 4 ricoveri (un bambino di 11 anni, e tre ragazzine tra i 12 e i 14 anni. E’ importante dunque riaprire progressivamente tutte le attività, ma è un atto doveroso di responsabilità evitare assembramenti e nel contempo cercare anche di tutelare la salute dei minori, in qualche caso addirittura bambini.

Si fa appello alle forze dell’ordine perché sia fatta rispettare l’ordinanza e siano perseguiti coloro che somministrano superalcolici a minori.


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid-19, resta vietato l'asporto di alcol dopo le 22: prima dell'emergenza, boom di coma etilici

SalernoToday è in caricamento