Nuova protesta dei lavoratori della Yele: occupato lo svincolo di Vallo della Lucania

Da mesi oramai chiedono che vengano versati tutti gli stipendi arretrati. Ma, soprattutto, vogliono sapere a dal presidente della Provincia Giuseppe Canfora quale sarà il loro futuro

Foto dal web

Nuova protesta degli operai della società Yele, che gestisce la raccolta dei rifiuti in una trentina di comuni a sud di Salerno. Da questa mattina i un centinaio di lavoratori stanno occupando lo svincolo autostradale di Vallo della Lucania. L’accesso è consentito solo alle autombulanze. Tanti i disagi alla circolazione. Da mesi oramai chiedono che vengano versati tutti gli stipendi arretrati. Ma, soprattutto, vogliono sapere  a dal presidente della Provincia Giuseppe Canfora quale sarà il loro futuro dal prossimo anno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo con la febbre: la mamma non aspetta il tampone e lo porta in ospedale, entrambi positivi

  • Sorpresa nel Cilento, avvistato lo yacht "T.M Blue One” di Valentino

  • Covid-19: positivo anche un vigile collegato ai casi di Pontecagnano, sospetto di contagio a Cava

  • Covid-19: in aumento i positivi in Campania, 23 nuovi contagi

  • Covid-19: 5 nuovi contagi in Campania, oggi 2 positivi ad Eboli

  • Covid-19, salgono i contagi in Campania: 14 nuovi positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento