Economia

Vertenza Dussmann Service: ancora nulla di fatto per i tre lavoratori dell'ospedale di Agropoli

Ancora nulla di fatto per la vertenza Dussmann Service. Le sigle sindacali Fisascat Cisl, Filcam Cgil e Uiltucs Uil hanno interrotto le trattative con l'azienda per il reintegro dei 3 lavoratori impiegati presso l'ospedale di Agropoli

Antonio Grieco e Remo Criscuolo

Ancora nulla di fatto per la vertenza Dussmann Service. Le sigle sindacali Fisascat Cisl, Filcam Cgil e Uiltucs Uil hanno interrotto le trattative con l'azienda per il reintegro dei 3 lavoratori impiegati presso l'ospedale di Agropoli.

Alla riunione che si è tenuta stamattina tra i rappresentanti delle sigle sindacali, i 3 lavoratori e i rappresentanti dell'azienda che gestisce i servizi di ristorazione dei plessi dell'Asl ex Sa 3 non è stata trovata un'intesa. I rappresentanti dei lavoratori, infatti, non hanno accettato la proposta della Dussmann, che in cambio del reintegro immediato dei tre addetti alla mensa dell'ospedale di Agropoli hanno chiesto l'attivazione di una cassa integrazione in deroga per tutti i lavoratori dei plessi dell'ex Asl Salerno 3. Le condizioni sono state ritenute inaccettabili anche a causa della mancanza dei dati sui pasti che l'azienda lamenta essere sempre più inferiori.

"Non ci sono le condizioni per espletare l'esame congiunto della cassa integrazione in deroga - hanno affermato Lina Nomade, Antonio Grieco e Remo Criscuolo rappresentanti delle 3 sigle sindacali - Non ci sono i dati dell'Asl che avallano questa ipotesi e poi, essendoci una gara d'appalto in corso, un ammortizzatore sociale potrebbe creare una turbativa d'asta. Rimane, dunque, imprescindibile per i sindacati il reintegro immediato dei lavoratori dalla sospensione senza retribuzione" concludono infine.

..

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vertenza Dussmann Service: ancora nulla di fatto per i tre lavoratori dell'ospedale di Agropoli

SalernoToday è in caricamento