rotate-mobile
Politica

Capodanno 2013, Cammarota e Ramora: "Una denuncia per i disagi"

Il commissario cittadino e il commissario provinciale di Fli annunciano un'iniziativa legale per i "disagi a Salerno durante la vigilia di Capodanno"

Una denuncia alla procura della Repubblica di Salerno perché "valuti l'ipotesi di omissioni di atti dovuti, ad ogni livello, per quanto accaduto e prevedibile": questa l'iniziativa annunciata da Giuseppe Ramora ed Antonio Cammarota, rispettivamente commissario cittadino e commissario provinciale (oltre che consigliere provinciale) di Futuro e Libertà.

Cammarota e Ramora si riferiscono ai "disordini della vigilia di Capodanno in piazza Flavio Gioia, campo di battaglia con lancio di bottiglie e di petardi sin dal mezzogiorno e sino a serata inoltrata". Per le strade e le piazze del centro cittadino, durante la vigilia di Capodanno, c'erano molte persone. "Salerno ostaggio dei teppisti e del traffico" sentenziano in una nota i due esponenti di FLI, che annunciano quindi la loro iniziativa legale.

"Bastava poco - riferiscono Ramora e Cammarota - vietare la vendita di alcoolici dopo le 12, l’asporto di bottiglie e bicchieri di vetro, installare telecamere a circuito chiuso con ampi cartelli indicatori e dissuasori, una visibile e significativa presenza di forze dell’ordine e vigili urbani. Come bastava poco per evitare il drammatico caos traffico di questi giorni, per cui FLI aveva proposto per i giorni festivi e prefestivi dalle 18 alle 3 del mattino la chiusura totale del centro al traffico e l’utilizzo di navette pubbliche a ciclo continuo per l’intera area urbana. Ma inutilmente, con le conseguenze sotto gli occhi di tutti".

CAPODANNO 2013, DANNI PER I PETARDI

LUCI D'ARTISTA, TRAFFICO E DISAGI

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capodanno 2013, Cammarota e Ramora: "Una denuncia per i disagi"

SalernoToday è in caricamento