menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid e crisi: tornano i buoni spesa a Cava, iniziative solidali a Baronissi e Castel San Giorgio

A seguito del Decreto Ristori ter della Presidenza del Consiglio dei Ministri, sono stati assegnati al Comune i fondi per i Buoni per un ammontare di 436.842,69 euro a Cava

Tornano i buoni spesa a Cava de' Tirreni. A seguito del Decreto Ristori ter della Presidenza del Consiglio dei Ministri, sono stati assegnati al Comune i fondi per i Buoni per un ammontare di 436.842,69 euro. L’Assessorato alle Politiche Sociali sta predisponendo gli atti e le modalità per l’erogazione dei “Buoni Spesa” ai nuclei familiari più esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza epidemiologica da virus COVID-19 e tra quelli in stato di bisogno.

L'assessore alle Politiche Sociali, Annetta Altobello:
 

“Oggi abbiamo avuto comunicazione del fondo economico assegnato alla nostra città ed il Sindaco Servalli ha immediatamente attivato l’assessorato e gli uffici preposti per provvedere nel più breve tempo possibile alla consegna dei buoni.

Bisogna ricevere le adesioni delle attività commerciali che vorranno accettarli ma credo che, come ad aprile scorso, saranno in molti a partecipare all’iniziativa. Ovviamente ci saranno i controlli anche con l’ausilio della Guardia di Finanza che già fu impegnata la volta scorsa”.

Castel San Giorgio

Intanto, si rafforzano le iniziative di sostegno del Comune di Castel San Giorgio dirette alle famiglie attanagliate dalla crisi scaturita dalla pandemia. Un sostegno che arriva grazie all’impegno quotidiano del settore dei Servizi sociali e la solida rete creata con il Banco Alimentare. L’amministrazione comunale guidata dalla sindaca Paola Lanzara, con l'obiettivo d’intensificare gli sforzi soprattutto nel periodo a ridosso delle festività natalizie, ha investito ulteriori risorse per l’acquisto di generi alimentari e ampliato la platea dei cittadini che usufruiscono già da un anno del Banco Alimentare.

 

Sono pronte per la consegna, in collaborazione con gli operatori del terzo settore e della protezione civile, 55 confezioni di generi di prima necessità, calibrati sui nuclei familiari di riferimento in carico ai servizi sociali.

L’assessore alle politiche sociali, Antonia Alfano:

"L’iniziativa è in coerenza con quanto fatto nei mesi scorsi, e soprattutto si va ad aggiungere ad un servizio già consolidato di aiuti a ben cento nuclei familiari, assistiti mensilmente dal Banco Alimentare, che ringrazio per la disponibilità e attenzione che ci dedicano pur avendo un orizzonte regionale.

Sono già in programmi iniziative analoghe che possano dare un sollievo alle tante fragilità emerse con una attenzione particolare ai minori, a cui anche l’anno scorso non abbiamo fatto mancare il nostro augurio"

Parla la sindaca Paola Lanzara:

"La nostra funzione, mai come in questa fase, è cruciale, non solo nel garantire un perfetto coordinamento con tutti i livelli istituzionali, ma anche nel ricercare soluzioni ulteriori che vengano incontro alle famiglie e alle piccole imprese. Tutto il tessuto economico e lavorativo è ormai allo stremo ed ogni piccolo segnale serve a mantenere viva la speranza di una ripresa. Conoscere il territorio significa aver chiaro anche il quadro sociale ed è per questo che con gli uffici e l’assessore di riferimento svolgiamo un monitoraggio costante".

Baronissi

Inoltre, Baronissi aderisce all’iniziativa della “Spesa sospesa”, il servizio “volontario” di approvvigionamento di generi alimentari destinati a famiglie in difficoltà. Con l’adesione alla piattaforma e-commerce regionale www.spesasospesa.store abbiamo voluto riattivare  una misura sociale, già sperimentata con positività in passato, per garantire generi alimentari a persone o nuclei familiari in grave disagio. Gli esercizi che aderiranno - ad oggi  lo hanno già fatto i supermercati Conad ed Etè - allestiranno  al proprio interno un carrello solidale dove chiunque potra’ lasciare la propria “Spesa Sospesa” destinata a chi ha veramente bisogno.  I cittadini in difficoltà  potranno richiedere la Spesa Sospesa attraverso l’Ufficio Politiche Sociali del Comune di Baronissi telefonando al numero telefonico 089828239 (dal lunedì al venerdì con orario dalle 9.00 alle 12.00). Saranno, poi, i volontari dell’associazione “Il Punto” a curare il ritiro e la successiva consegna degli  alimenti.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Vendita e Affitto

Bonus affitto 2021: come ottenerlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento