Post Covid-19: la cultura "torna a respirare", riaprono i musei e i siti

Dopo l'annuncio dei musei del Parco Archeologico di Paestum e Velia e della Certosa di Padula, ecco le nuove riaperture

Turisti alla Certosa

La cultura torna "a respirare": riaprono o sono in procinto di riaprire, infatti, le strutture museali e i siti archeologici della provincia di Salerno. Dopo l'annuncio dei musei del Parco Archeologico di Paestum e Velia e della Certosa di Padula, pronta ad accogliere tutti i giorni i visitatori dalle 9 alle 19, tranne il martedì, infatti, concludono la sospensione delle attività anche molte altre strutture cittadine. In particolare, è riaperto dal 19 maggio il Giardino della Minerva a Salerno, dalle ore 9 alle 19.30, ovviamente in sicurezza e nel rispetto dell'obbligo della mascherina e della distanza interpersonale di almeno un metro. Riaprono il 23 maggio, poi, il Museo Virtuale della Scuola Medica Salernitana e il Museo Roberto Papi: i turisti potranno accedere ogni giorno solo su prenotazione, dalle 9.30 alle 13 e dalle 16.30 alle 21. Mentre, seppur sempre sia sempre preferibile la prenotazione, le porte dei due siti saranno stabilmente aperte il venerdì e il sabato: nel caso del Museo Virtuale, dalle 9.30 alle 13 e dalle 17 alle 20, mentre del Papi dalle 10 alle 13 e dalle 16.30 alle 18.30. La domenica, infine, l'apertura è solo su prenotazione dalle 10 alle 13. Il tutto nel rispetto della distanza di sicurezza e dell'obbligo della mascherina.

La riapertura e l'iniziativa al Museo del Mare

Tornano i visitatori anche al Museo del Mare e della Dieta Mediterranea di Pioppi che lancia la card BeFriends. Il 22 maggio il polo museale torna ad accogliere i visitatori. "Quella di Pioppi è una struttura museale importante per il Cilento, ma non solo - ha detto Stefano Pisani, sindaco di Pollica- quindi la sua riapertura ha un grande significato simbolico ed è un segnale di speranza per un territorio che non può prescindere dal turismo e dalla cultura" Alla luce dell’impatto negativo dell’emergenza Covid-19 sul settore turistico e museale, i gestori hanno deciso di lanciare una campagna di fidelizzazione, chiedendo un sostegno agli amanti del Cilento e del suo patrimonio culturale. Si tratta della card BeFriends, una carta che, a fronte di una donazione di 10 euro, da diritto all’ingresso gratuito per un anno al Museo Vivente della Dieta Mediterranea e al Museo Vivo del Mare e ad agevolazioni per la partecipazione a laboratori e corsi. La card è disponibile anche in versione Young, per gli under 16, al costo di 5 euro e gratuitamente per i ragazzi residenti nel Comune di Pollica, affinché diventino i primi ambasciatori della bellezza del territorio. Una ulteriore novità della riapertura è l’attivazione della biglietteria elettronica. Al fine di ottimizzare la gestione delle prenotazioni e di evitare assembramenti davanti alla struttura, il biglietto di ingresso sarà acquistabile sui siti ecomuseodietamediterranea.it e museovivodelmare.it, grazie alla collaborazione con Salerno Incoming.  Il Museo Vivente della Dieta Mediterranea e il Museo Vivo del Mare saranno visitabili tutti i giorni, tranne il martedì, la mattina dalle 10 alle 12 e il pomeriggio dalle 17 alle 20 (orario estivo) e dalle 16:00 alle 19:00 (orario invernale). 


 

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Post Covid/ Mercato immobiliare: cosa è cambiato e cosa potrebbe accadere

  • Post Covid/ Da sartoria industriale alla produzione di 8mila mascherine al giorno, la storia

  • Saracinesche alzate, tra igienizzanti e misure anti-Covid: Salerno si risveglia

  • Post Covid/ Matrimoni e cerimonie civili "ristretti": 2 coppie salernitane convolano a nozze

  • Post Covid/ Università, la didattica a distanza ed i nuovi spazi della socialità

  • Post Covid/Chili di troppo e prova costume alle porte: tutti in palestra, cosa cambia

Torna su
SalernoToday è in caricamento