menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Angri, muore a 58 anni, in corsia, il giorno dopo un intervento: condannato il medico di famiglia

La sentenza è del giudice del Tribunale monocratico nocerino, Giuseppe Palumbo, con la contestuale assoluzione di un altro medico, «perché il fatto non sussiste»

È stato condannato a due anni e nove mesi di reclusione un medico di base, per la morte dell’angrese Giovanni Gallo, deceduto il 9 luglio 2013 il giorno dopo aver effettuato una colonscopia. La sentenza è del giudice del Tribunale monocratico nocerino, Giuseppe Palumbo, con la contestuale assoluzione di un altro medico, «perché il fatto non sussiste». La vicenda giudiziaria successiva al decesso del 58enne aveva registrato più volte integrazioni e punti di arresto, arrivando ad un complessivo numero di tre avvisi di garanzia, anche con il coinvolgimento di una infermiera.

L'indagine

La fase investigativa era concentrata sulla colonscopia con perforazione dell’intestino, al centro di perizie mediche, con le consulenze disposte dalle parti e gli accertamenti in fase dibattimentale. Il cuore del processo, in attesa del deposito delle motivazioni previsto entro 20 giorni, riguarda la possibilità di manovre errate eseguite durante la colonscopia, a cui lo stesso Gallo si era sottoposto durante il ricovero all'ospedale Umberto I di Nocera Inferiore. Il paziente aveva avvertito un forte dolore dopo quell'intervento, allo stomaco e all'addome, fino all’emergenza e al nuovo ricovero nella struttura ospedaliera. I medici avevano a quel punto operato l'uomo d'urgenza, per rimuovere il tratto intestinale danneggiato, ma l’infezione era già fuori controllo, con una setticemia, e il crollo delle funzioni vitali, fino poi al decesso. I carabinieri acquisirono le cartelle cliniche del paziente, dopo la denuncia della famiglia. La vicenda certamente finirà in appello. Il medico di base era accusato di aver prescritto al telefono, al paziente, il giorno dopo l'intervento, dell valeriana con effetto placebo. Al giudice, ha spiegato di non sapere, quel giorno, che l'uomo aveva già fatto l'intervento in ospedale. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento