Angri, picchiava e violentava la moglie: condannato marito violento

I fatti risalgono al 2012, con sullo sfondo un rapporto rotto tra i due per un "tradimento" di lui, ma portato avanti dall’imputato con violenza e volontà di dominare la vittima

Una violenza sia fisica che psichica, che spesso veniva consumata anche davanti ai figli piccoli. Con le accuse di maltrattamenti, violenza privata e anche violenza sessuale verso la propria moglie, il giudice ha condannato a 5 anni e 4 mesi di carcere in primo grado un 61enne di Angri. I fatti risalgono al 2012, con sullo sfondo un rapporto rotto tra i due per un "tradimento" di lui, ma portato avanti dall’imputato con violenza e volontà di dominare la vittima. Secondo le accuse, insieme alle testimonianze registrate durante il dibattimento, la donna decise di rompere la sua storia dopo aver visto il marito consumare rapporti con una straniera dipendente della sua azienda. Da lì decise di non svolgere più mansioni di casa, come preparargli da mangiare, poi scattò la denuncia dopo l’ennesimo pestaggio tra le mura domestiche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La sottomissione dinanzi ai figli

L’uomo a sua volta, reagì minacciandola di ritirare la querela, perché in caso l’avrebbe uccisa insieme ai figli. E la donna, presa dalla paura, fu costretta a firmare la remissione di denuncia. I giudici del collegio hanno condannato l’uomo anche per violenza sessuale, in virtù di rapporti che la donna avrebbe dovuto subire dietro costrizione. Se si fosse rifiutata, sarebbe stata pestata a sua volta. Durante uno dei tanti litigi, la vittima riportò un taglio alla mano per via di un colpo di rastrello. In aula fu ascoltato anche il figlio della coppia, che parlò del tradimento del padre e dell’uso sconsiderato dei soldi che sarebbero dovuti servire al sostentamento della famiglia. L’escalation di violenza si concluse con l’abbandono del tetto coniugale della donna, rifugiata in un centro per donne vittime di violenza. Il figlio parlò anche del fatto che la madre, per nascondere i lividi sulle braccia, indossava maglie lunghe anche in estate. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si laurea a 20 anni con Lode in Ingegneria Informatica: targa per un salernitano

  • Tromba marina devasta Salerno: alberi sradicati e tegole volanti, paura al "Galiziano"

  • Covid-19, De Luca firma l'ordinanza: movida di nuovo sotto controllo

  • Bonus tiroide: di cosa si tratta e come fare per richiederlo

  • Test sierologici gratuiti per Covid-19 e Epatite C: l'iniziativa a Salerno

  • Il maltempo mette in ginocchio la provincia: scattano evacuazioni a Sarno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento