menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Approda a Salerno il cacciatorpediniere Caio Duilio: ecco quando visitarlo

Con un equipaggio di 196 uomini e donne, una lunghezza di oltre 150 metri e un dislocamento a pieno carico superiore alle 7.000 tonnellate, nave Duilio è l’espressione di tecnologie di ultima generazione

Sarà ormeggiato nel porto di Salerno, il cacciatorpediniere Caio Duilio, sabato 11 e domenica 12 maggio, al termine dell’esercitazione Mare Aperto, che ha impegnato gli equipaggi di un consistente dispositivo aero-navale della Marina Militare e di Marine Alleate in un’attività addestrativa condotta dal Comando in Capo della Squadra Navale nel Mar Tirreno, con oltre 6.300 uomini e donne.

Le visite

Durante la sosta, nave Duilio sarà visitabile sabato, dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19 e domenica 12 maggio dalle 10 alle 13. Il Cacciatorpediniere Caio Duilio è uno dei due cacciatorpediniere lanciamissili della classe Orizzonte, frutto di un programma di collaborazione con la Marina francese. L’unità è stata varata il 23 ottobre 2007 presso i cantieri navali di Riva Trigoso e consegnata successivamente alla Marina Militare il 3 aprile 2009.

Le caratteristiche

Con un equipaggio di 196 uomini e donne, una lunghezza di oltre 150 metri e un dislocamento a pieno carico superiore alle 7.000 tonnellate, nave Duilio è l’espressione di tecnologie di ultima generazione, impianti missilistici e di artiglieria all’avanguardia nonché un fiore all’occhiello dell’Industria nazionale. Oltre ad essere specificatamente progettata per la difesa aerea, la nave può svolgere ruoli di comando e controllo anche in situazioni di crisi ed emergenza umanitaria, potendo contare su numerosi apparati di comunicazione tradizionale e satellitare. La nave, inoltre, partecipa ad operazioni di presenza e sorveglianza marittima a tutela degli interessi nazionali. Tanta curiosità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento