menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Costiera amalfitana: ecco i 5 comuni da visitare

Oggi vi porteremo alla scoperta di cinque piccoli comuni della costiera da non perdere tra sfogliatelle, bruschette e cuoppi fritti

Da Salerno non è difficile raggiungere i comuni che affacciano sulla divina costa, ma perché limitarsi solo alla visita di Amalfi e Ravello? Oggi vi porteremo alla scoperta di cinque piccoli comuni poco noti da non perdere.

I 5 comuni da non perdere in Costiera 

Quando si parte da Salerno è facile fermarsi subito a Vietri sul Mare per ammirare le famose ceramiche vietresi, o sostare ad Amalfi per restare a bocca aperta davanti all’imponente duomo, ma non sono solo questi i comuni della divina costa. Albori, per esempio, è una delle mete più gettonate d’estate perché la sera è bello gustare una saporita e abbondante bruschetta mentre si ammira l’orizzonte, ma non tutti sanno dell'esistenza della bruschetteria, posta in cima al paesino di Albori, che è uno dei luoghi più frequentati e più inaspettatamente ‘IN’ della costiera. Se si desidera, invece, qualcosa di più sfizioso e più vicino allo street food alla napoletana, Cetara è la meta che fa per voi: famosa da sempre per la produzione di tonno fresco e di alici, Cetara non è soltanto un piccolo e suggestivo borgo in riva al mare, ma è anche la patria delle alici fritte e del famoso “cuoppo”. Proprio a Cetara, infatti, a regalare ai cittadini e ai turisti il sapore genuino del fritto di pesce ci pensa la famiglia Torrente, la sola in grado di preparare un cuoppo tradizionale ad hoc. Volendo completare la cena con qualcosa di dolce, un’altra tappa del percorso è Conca dei Marini: al di là della splendida acqua pulita di cui gode la Grotta Smeraldo, Conca è famosa per le sue sfogliatelle. In barba ai napoletani che si vantano di questa specialità dolciaria, le sfogliatelle originali sono quelle Santarosa, preparate dalle industriose manine delle suore domenicane del convento  di Santa Rosa da Lima, da cui deriva la denominazione. Parlando di dolci, un altro comune in cui vale la pena fare una piccola sosta è Minori: facile farsi incantare dallo scenario suggestivo del lungomare e percorrere il piccolo molo in un’atmosfera romantica, così come altrettanto facile è incantarsi di fronte alle prelibatezze della pasticceria Sal De Riso. A questo punto non c'è niente di meglio che innaffiare il dolce e il salato con un buon vino della costiera: a Furore esiste uno dei vigneti più famosi della provincia salernitano gestito dall’azienda Cuomo, e da cui nasce il Costa d’Amalfi Furore Bianco, che ben si accompagna ai dessert proposti durante il nostro tour virtuale della divina costa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Salerno: San Matteo ed il miracolo dei leoni del Duomo

Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

social

Superenalotto: vincita di 84.032,07 euro a Pagani

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Lotto tecnico: nuove vincite per i lettori, i numeri

  • social

    Lotteria degli scontrini: i codici della seconda estrazione

  • social

    Prignano Cilento, dopo 50 anni ritorna l'aquila sul Monumento ai Caduti

Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento