menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Denaro contante dimezzato negli uffici postali, la Cisl: “Anziani in difficoltà”

Dell’Isola: “Sono costretti a depositarlo nei propri libretti di risparmio, perché a Poste Italiane conviene di più. Dobbiamo fare anche i conti con i ritardi nella corrispondenza"

I perenni ritardi nella consegna della corrispondenza e delle pensioni, in particolare nei rioni collinari di Salerno e in molti centri della provincia, in particolare nei centri dell’Agro come Scafati e Pagani, continuano a mettere a dura prova la pazienza di tanti anziani e pensionati del territorio, costretti a file estenuanti, negli uffici postali per il ritiro di raccomandate e di posta arretrata, che dovrebbero, invece, essere quotidianamente consegnate a domicilio. La denuncia arriva dal sindacato dei pensionati Cisl della provincia di Salerno, che si rende portavoce del disagio manifestato dagli anziani del territorio. Sono numerose, infatti, le segnalazioni dei cittadini sui disservizi postali, con il problema che si protrae da tempo. “Un diritto – fanno sapere dal sindacato - che non viene garantito ormai da mesi e di cui stanno pagando le conseguenze proprio quei cittadini che, più di tutti, per ragioni evidenti, vivono con grande difficoltà gli spostamenti da casa e le soste in fila, che spesso durano ore e a volte intere giornate, per il ritiro di corrispondenza che altrimenti giacerebbe nei depositi degli uffici postali. I casi di Sapri e Battipaglia, solo per citare quelli più recenti, ormai non fanno nemmeno più notizia”.

Secondo il segretario della Fnp Cisl Giovanni Dell’Isola “a pagare il prezzo più alto di tagli e malfunzionamenti sono sempre i cittadini più deboli e più in difficoltà”.  “E’ – tuona -  un dato  inammissibile e non più tollerabile per il sindacato. Lo diciamo da tempo”. Per questo chiede alle autorità preposte di “mettere fine a questi disservizi, nell’interesse di tutti i cittadini e nel rispetto di un diritto che è costituzionalmente garantito. Ormai – sottolinea - è da tempo che la distribuzione dei soldi destinati al pagamento delle pensioni, in particolare all’ufficio postale di Ogliara, avviene nella tarda mattinata, creando così non pochi disagi ai tanti anziani che sin dal primo mattino si recano all’Ufficio per evitare di incorrere in lunghe file d’attesa. Per non parlare poi del denaro contante a disposizione delle filiali durante i giorni dei pagamenti delle pensioni. Sono stati ormai dimezzati. Questo costringe gli anziani a non prelevare tutto il denaro di cui avrebbero bisogno, ma bensì a depositarlo nei propri libretti di risparmio. Pratica che a Poste Italiane, ovviamente, conviene di più. Tempo fa parlammo di processo di rottamazione degli anziani in atto nel nostro Paese. Da anni lo denunciamo come Fnp Cisl. Sappiate che è ancora in corso” conclude Dell’Isola.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Salerno: San Matteo ed il miracolo dei leoni del Duomo

Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento