menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Zitarosa

Zitarosa

Disoccupazione giovanile, Zitarosa lancia un referendum per la staffetta genitori-figli

Il capogruppo di Forza Italia: "Al Comune abbiamo circa 300 dipendenti sui 1200 in organico che superano i 60 anni, addirittura circa 700 che superano i 55 anni e quasi tutti genitori di figli maggiorenni disoccupati"

Parte da Salerno l’idea di un referendum per consentire ai giovani disoccupati di trovare lavoro negli uffici pubblici prendendo il posto di un genitore. A lanciare la proposta è il capogruppo di Forza Italia a Palazzo di Città Giuseppe Zitarosa, che spiega: “Le opportunità di lavoro (nel settore pubblico, ma non solo) sono sempre più scarse. In Italia manca completamente il ricambio generazionale: come possono i giovani trovare il loro percorso se tutte le opportunità sono ferme, semplicemente perché c’è gente che fa di tutto per andare in pensione il più tardi possibile? A loro rimangono tutti i privilegi, ai giovani non restano che le briciole” denuncia Zitarosa domandandosi perchè “le generazioni che ci hanno preceduto si rifiutano di lasciare loro un po’ di spazio? Capisco bene che per molti il lavoro sia un momento importante di realizzazione personale, ma perché non dedicare le proprie ore alla famiglia, al volontariato, agli hobby? Tra l’altro, con queste continue proposte sull’innalzamento dell’età pensionabile, per i giovani andrà sempre peggio”.

Per l’esponente azzurro “l’introduzione del personal computer unito allo sviluppo delle telecomunicazioni ha portato a nuovi modi di lavorare che richiedono nuove risposte formative, prospettando la necessità di una cultura informatica che solo le nuove generazioni sono in grado di assolvere. Basta recarsi in un qualsivoglia ufficio pubblico per rendersi conto delle difficoltà incontrate da anziani dipendenti che, invece, di velocizzare il servizio, lo rendono macchinoso e spesso inutilizzabile proprio perché  poco avvezzi alle nuove tecnologie”. Di qui la proposta concreta: “Per porre freno alla disoccupazione giovanile, sarebbe opportuno ipotizzare una staffetta tra generazioni. Si tratta della possibilità per un lavoratore anziano di lasciare il posto di lavoro, a determinate condizioni, ai propri figli. Quello che si prospetta è un patto tra le generazioni, un accordo attraverso il quale i lavoratori più anziani accettano di fare spazio ai più giovani, anche a costo di cedere il proprio lavoro ed altri diritti acquisiti”.

Il provvedimento, da sottoporre a referendum, prevede la possibilità di concludere un accordo tra cinque attori diversi: soggetti pubblici, enti previdenziali, le imprese, lavoratori anziani, giovani. Cosa dovrebbe accadere: il lavoratore anziano accetta di andare in pensione rinunciando al Tfr maturato e ad una decurtazione della pensione di un 20%; il lavoratore giovane viene assunto con contratto di apprendistato o a tempo indeterminato. “L’idea di un patto tra generazioni è certamente una prospettiva, anche etica, di grande respiro, che - aggiunge Zitarosa - si auspica possa sostenere azioni concrete per disegnare una società più equa e più inclusiva. Questa nuova legge dovrebbe consentire di assicurare la salvaguardia dei livelli di occupazione per le nuove generazioni e di mantenere, contemporaneamente, condizioni di reddito accettabili per le fasce di popolazione meno giovani”.

Inevitabile per Zitarosa citare il caso del Comune di Salerno: “Qui abbiamo circa 300 dipendenti sui 1200 in organico che superano i 60 anni, addirittura circa 700 che superano i 55 anni e quasi tutti genitori di figli maggiorenni disoccupati. Questa nuova normativa, applicata al solo Comune, permetterebbe a circa 1.000 giovani disoccupati di trovare subito lavoro. La legge 92/2012 che ha introdotto la riforma del mercato del lavoro e l’ultima riforma del diritto del lavoro in Italia (il cosiddetto Jobs Act) non sono riuscite a ridurre la disoccupazione e a correggere quelle deformazioni strutturali che impediscono a migliaia di giovani di trovare lavoro e di essere “mobili” sul mercato”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

Attualità

Covid-19: la Campania verso la conferma in zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento