Hospice di Eboli, linea dura della Procura contro Marra: "Fu omicidio"

Il pm Elena Guarino ha chiuso le indagini ribadendo, nero su bianco, l’accusa di omicidio volontario aggravato. Ma i legali del medico sono pronti, ancora una volta, a dimostrare la sua innocenza anche in Cassazione

La Procura di Salerno conferma la linea dura contro il dottore Alessandro Marra, il medico che, fino allo scorso anno, era in servizio presso l’Unità Operativa di Medicina del dolore e cure palliative press l’hopsice “Il Giardino dei Fiori” di Eboli. Il pm Elena Guarino ha chiuso le indagini ribadendo, nero su bianco, l’accusa di omicidio volontario aggravato.

L’arringa del pm

Per l’accusa Marra “nella sua qualità di medico esperto in cure palliative, mediante la somministrazione elevata di Midazolam, farmaco con potenzialità tossiche, ha provocato la morte di Carmine Giannattasio, agendo in maniera consapevole, in contrasto con la volontà del paziente e dei suoi familiari che chiedevano cure palliative per attenuare i dolori”. Giannattasio, originario di Battipaglia, era malato terminale di tumore. I suoi familiari avevano chiesto al medico qualche sedativo per calmargli il dolore prima del decesso.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini

Ad ottobre scorso, su disposizione del gip Perrotta, Marra finì agli arresti domiciliari. Successivamente, però, il tribunale del Riesame aveva cancellato l’ipotesi dell’omicidio e altre sei contestazioni mosse nei confronti del medico rimettendolo in libertà. Il pm, però, ha deciso di andare avanti presentando ricorso in Cassazione contro l’ordinanza proprio del Riesame. L’udienza è attesa per il mese di marzo. Ma i legali difensori di Marra sono pronti a dimostrare ancora una volta l’innocenza del loro assistito e, qualora venisse accolta la loro tesi in Cassazione, sono decisi a chiedere la revoca del provvedimento di sospensione dell’attività medica pubblica a cui è sottoposto ormai da tempo. Complessivamente nell’indagine sono coinvolti ben 17 indagati tra medici, infermieri e dirigenti dell’hospice ebolitano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo con la febbre: la mamma non aspetta il tampone e lo porta in ospedale, entrambi positivi

  • Sorpresa nel Cilento, avvistato lo yacht "T.M Blue One” di Valentino

  • Covid-19: positivo anche un vigile collegato ai casi di Pontecagnano, sospetto di contagio a Cava

  • Covid-19: in aumento i positivi in Campania, 23 nuovi contagi

  • Violate norme anti Covid: la polizia chiude bar a Salerno

  • Covid-19: 5 nuovi contagi in Campania, oggi 2 positivi ad Eboli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento