menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Deve scontare i domiciliari nel Salernitano, ma fugge a Venezia: arrestato straniero

Il 41enne, che ha inveito contro i carabinieri, è accusato di evasione, ricettazione, resistenza a pubblico ufficiale e false attestazioni su generalità

E’ accusato di evasione, ricettazione, resistenza a pubblico ufficiale e false attestazioni su generalità un 41enne originario dell'Albania ma da tempo senza dimora in Italia, attualmente sottoposto alla misura della detenzione domiciliare da scontare in provincia di Salerno per pregressi reati di furto aggravato ricettazione ed evasione, dalla quale però era fuggito.

Il fermo

L'uomo è stato bloccato e controllato dai carabinieri a Mira, in provincia di Venezia. Lo straniero, però, evidentemente convinto di poter eludere i controlli ha fornito una falsa generalità per poi scagliarsi contri i militari dell’Arma dimenandosi strattonando e guadagnando la fuga. Ma è stato fermato dopo un breve inseguimento e dichiarato in stato di arresto per resistenza a pubblico ufficiale. Visti i precedenti penali e i reati più recenti, il 41enne è stato condotto nel carcere lagunare di Santa Maria Maggiore.

Agente trascinato con l’auto

In passato – riporta Veneziatoday - l'uomo era stato accusato di tentato omicidio nei confronti di un agente della squadra mobile di Padova, trascinato con l'auto per 50 metri. L'episodio risale al 2017. Nella circostanza gli agenti in borghese avevano intercettato l'auto dell'uomo, a bordo della quale si trovava anche il cugino 22enne, suo "compagno" di scorribande. Un agente in borghese aveva aperto la portiera dal lato guidatore e l'uomo, allora 38enne, aveva accelerato improvvisamente, trascinandolo per diverse decine di metri, mentre il suo collega stava sparando. La macchina era poi finita contro un platano. Dopo un tentativo di fuga, il più giovane si era infilzato su un cancello, facilitando l'arresto dei poliziotti. Il cugino più vecchio, invece, era stato fermato qualche mese dopo mentre si trovava alla guida di un'automobile. Anche quella rubata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Salerno: San Matteo ed il Miracolo della Manna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento