rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Cronaca

171° anniversario della Polizia di Stato: la cerimonia nella Certosa di Padula

L’evento è stata anche l’occasione per fare il punto sull’attività  svolta dalla Polizia di Stato in provincia di Salerno, a  testimonianza dell’impegno degli uomini e delle donne in divisa,  in un anno passato al servizio della collettività

Questa mattina, a Padula, nello splendido scenario della Certosa di San Lorenzo, si è svolta la celebrazione del  171° anniversario dalla fondazione della Polizia di Stato.  Una giornata volta a sugellare l’orgoglio ed il senso di appartenenza che accumunano le donne e gli uomini della Polizia di Stato il cui lavoro quotidiano si proietta tra la gente.  Un lungo percorso durante il quale la Polizia di Stato è cambiata, si è evoluta insieme alla società, è migliorata senza  perdere mai di vista il suo obiettivo più profondo: essere al  servizio delle istituzioni democratiche e dei cittadini, obiettivo riassunto nel motto “Esserci Sempre”

La cerimonia

Il 12 aprile la Polizia di Stato ha voluto ricordare in maniera particolare tutti quei poliziotti che hanno perso la vita  nell’esercizio del dovere, un sacrificio al quale il Questore della Provincia di Salerno, Giancarlo Conticchio, ha reso omaggio, alle 8.30, con un momento di raccoglimento davanti alla lapide dei caduti della Polizia di Stato, nell’atrio del  Palazzo di Governo, con la deposizione di una corona di alloro.  Alle 11, invece, alla presenza del Prefetto e delle autorità militari, civili e religiose della Provincia, si è celebrata la  solenne cerimonia nella Certosa di Padula, durante la quale è stata data lettura dei messaggi di saluto del Presidente della  Repubblica, del Ministro dell’Interno e del Capo della Polizia – Direttore Generale della Pubblica Sicurezza. Dopo i messaggi, il Questore Conticchio ha tenuto il discorso di rito, che ha fatto da preludio  alla consegna delle onorificenze agli appartenenti alla Polizia di  Stato che si sono particolarmente distinti in attività di servizio.   La rassegna si è conclusa con la preghiera del Poliziotto e  l’esecuzione del Canto degli Italiani.

La festa

L’evento è stata anche l’occasione per fare il punto sull’attività svolta dalla Polizia di Stato in provincia di Salerno, a testimonianza dell’impegno degli uomini e delle donne in divisa, in un anno passato al servizio della collettività. Il Questore, in uno dei passaggi salienti del suo intervento, ha  ricordato l’importanza di “non cedere alla cultura  dell’indifferenza”, sottolineando come tutti, dinanzi alle  violenze e alle prevaricazioni, “possiamo dare il nostro  contributo, invitando soprattutto i più giovani a non abbassare la guardia e a non voltarsi dall’atra parte”. Quest’anno la Polizia di Stato ha ricevuto l’omaggio degli studenti della classe 4B del Liceo Artistico Sabatini/Menna di  Salerno, che hanno creato e donato alla Questura un bassorilievo raffigurante lo stemma araldico della Polizia di Sato. Altro gradito omaggio è arrivato dalla Professoressa Laura Bruno, l’artista che ha realizzato e donato il dipinto, un acrilico su tela, raffigurante una volante della Polizia di Stato sul  Lungomare di Salerno. Sono state esposte anche le Uniformi storiche della Polizia di  Stato tratte dalla collezione privata del Cavaliere Vito Maglio. Oltremodo apprezzata la partecipazione dell’atleta Jacopo Luchini, Snowboarder dei Gruppi Sportivi Fiamme Oro che l’11 marzo scorso si è laureato campione del mondo nello snowboard cross ai Mondiali di snowboard paralimpico a La  Molina (Spagna). Presenti anche l’Associazione Nazionale della Polizia di Stato (ANPS) e l’Associazione DonatoriNati. I momenti musicali sono stati curati dal maestro Daniele  Gibboni e dal gruppo dei suoi preziosi musicisti.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

171° anniversario della Polizia di Stato: la cerimonia nella Certosa di Padula

SalernoToday è in caricamento