menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Salvatore Parisi

Salvatore Parisi

"Giornata nazionale della disabilità intellettiva e relazionale": il programma a Salerno

Si terrà sabato 28 marzo la Giornata Nazionale della Disabilità Intellettiva e Relazionale. L'iniziativa promossa da Anffas, coinvolge duecentocinquanta strutture che apriranno le porte per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle tematiche in questione

Si terrà sabato 28 marzo la Giornata Nazionale della Disabilità Intellettiva e Relazionale, iniziativa promossa da Anffas che, giunta all'ottavo anno, coinvolge oltre duecentocinquanta strutture che apriranno le loro porte allo scopo di informare e sensibilizzare l’opinione pubblica sulle tematiche e problematiche connesse a questa particolare tipologia di disabilità, provando anche a smontare stereotipi e pregiudizi in luogo di una reale cittadinanza attiva.

A Salerno, il 27 marzo, saranno aperte le porte del Centro Diurno Integrato dell’Anffas di Salerno Giovanni Caressa in via del Tonnazzo n.83 a Fuorni dove sarà possibile, dalle 9:00 alle 13:00, visitare i laboratori di decoupage e di ceramica, visionare filmati realizzati dagli ospiti della struttura e applaudire i ragazzi del gruppo teatrale, La Girandola. Sabato 28, invece, a partire dalle 9:30 presso il Salone dell’Università Suor Orsola Benincasa di Salerno, l’Anffas ha organizzato un convegno sul tema Progetto individuale e vita indipendente con gli interventi di Bianca Maria Farina, Salvatore Parisi, Fortunata Guadagno, Dirigente dell’Uod Regione Campania, Vincenzo Falabella, Presidente nazionale Fish, Bianca Maria Farina, Salvatore Gargiulo e Porfidio Monda, docenti dell’Unisob di Salerno e Gerardina Molinaro, Presidente dell’Ordine Assistenti Sociali della Campania. Le conclusioni sono affidate a Salvatore Parisi, Coordinatore regionale Anffas Campania.

“Lo scopo dell’iniziativa – commenta Salvatore Parisi – è quello presentare e raccontare il lavoro, la passione, la dedizione che viene messo al servizio delle persone con disabilità e dei loro familiari al fine di costruire una cultura di cittadinanza attiva e una comunità più attenta e solidale, nonostante le crescenti difficoltà e politiche sociali nazionali molto discutibili”.

 

   

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento