menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Insulti sessisti, il Prefetto Malfi: "Piena fiducia nella magistratura"

Il numero uno della Prefettura di Salerno, sospeso dal suo incarico per tre mesi, preferisce non commentare le indagini della Procura di Vercelli che hanno portato ad indagarlo per abuso d'ufficio

Non vuole parlare con i giornalisti. Ma qualcosa di tiene a farla sapere: “Per scelta istituzionale ho deciso di non rilasciare dichiarazioni. Nella magistratura ho fiducia cieca anche quando non si condivide ciò che fa. Voi a Vercelli mi avete conosciuto, perciò non devo spiegare nulla”.  Sono queste le uniche parole rilasciate dal prefetto di Salerno Salvatore Malfi, che, due giorni fa, è stato sospeso per tre mesi dall'incarico dopo l’inchiesta della Procura della Repubblica di Vercelli che lo vede indagato per abuso d'ufficio.

Le indagini

Malfi è rimasto in carica come prefetto a Vercelli dal 2011 al 2016, e avrebbe creato, secondo l'accusa “era solito rivolgersi ai dipendenti con espressioni ingiuriose, a sfondo sessista, umilianti e denigratorie, utilizzando toni e atteggiamenti discriminatori e minacciandoli finanche di morte". Responsabilità sono emerse anche in merito alla sussistenza di reati contro l’assistenza familiare e contro la persona. Il provvedimento rientra in un più ampio contesto di indagine nel settore della spesa pubblica, con particolare riferimento alla gestione del servizio per l’accoglienza dei richiedenti asilo. In quell'ambito sono emersi gravi indizi in relazione a reati contro la pubblica amministrazione: dalla turbativa d’asta alla rivelazione di segreti d’ufficio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Indice RT: in Campania il più basso d'Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento