Cronaca

Danni maltempo in Costiera, il Codacons denuncia la Regione per "abuso d'ufficio"

Al centro dell’esposto dell’associazione, la ripartizione dei fondi pubblici in favore degli Enti Locali e destinati alla messa in sicurezza del territorio, risorse che “la Regione avrebbe ripartito in violazione delle normi vigenti

La frana ad Amalfi

Dopo i gravi danni registrati in Costiera Amalfitana a causa del maltempo delle ultime ore, il Codacons depositerà domani una formale denuncia alla Procura della Repubblica di Salerno contro la Regione Campania, in cui si ipotizza la fattispecie di abuso di atti d’ufficio.

I dettagli

Al centro dell’esposto dell’associazione, la ripartizione dei fondi pubblici in favore degli Enti Locali e destinati alla messa in sicurezza del territorio, risorse che “la Regione avrebbe ripartito in violazione delle normi vigenti, avvantaggiando alcuni Comuni guidati da soggetti che hanno legami con l’amministrazione regionale, a dispetto di altri comuni che avrebbero avuto diritto a godere dei finanziamenti”. Secondo il Codacons, dunque, l’arbitraria assegnazione dei punteggi da parte della Regione Campania ha causato il mancato finanziamento di progetti relativi a interventi molto urgenti ad esempio a Cetara e Tramonti, comuni che proprio in queste ore hanno subito frane, esondazioni e altri danni ingentissimi a causa del maltempo, con grave rischio per la popolazione locale. Danni che con ogni probabilità si sarebbero potuti evitare nel caso in cui la Regione avesse finanziato i progetti presentati dai due comuni”. Per tale motivo l’associazione presenterà domani un esposto per abuso di atti d’ufficio contro la Regione Campania in relazione ai danni registrati nelle ultime ore in Costiera Amalfitana, atto che va ad aggiungersi alle altre denunce presentate dall’associazione su tale scandalo e che hanno portato proprio ieri la Guardia di Finanza ad acquisire presso il Codacons, su ordine della dottoressa Cassaniello della Procura di Salerno, le prove documentali circa la distrazione dei fondi pubblici. Sempre domani l’associazione pubblicherà sul proprio sito web tutti i documenti che attesterebbero gli abusi nella destinazione dei fondi regionali per la messa in sicurezza del territorio, e pubblicherà una azione risarcitoria collettiva alla quale potranno partecipare tutti i cittadini residenti in Costiera Amalfitana.

  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Danni maltempo in Costiera, il Codacons denuncia la Regione per "abuso d'ufficio"

SalernoToday è in caricamento