Omicidio a Pagani: uccide la madre, poi chiama la sorella e va al bar

Emergono nuovi particolari sulla tragedia che ha sconvolto il quartiere Casa Marrazzo. Nei prossimi giorni verrà effettuata l'autopsia sul cadavere di Anna De Martino

Emergono nuovi particolari sull’omicidio avvenuto ieri mattina a Pagani, dove Aniello Giordano, 52 anni, tossicodipendente con problemi mentali, ha ucciso in preda ad un raptus di follia la madre, Anna De Martino, di 85 anni. Dalle indagini tuttora in corso si apprende che  l’uomo, subito dopo la tragedia, ha telefonato alla sorella per raccontarle cosa aveva fatto soltanto pochi minuti prima. “Ho ucciso nostra madre, vai a casa..” sarebbero state le sue parole. Poi, con disinvoltura, si è recato in un bar situato a pochi metri dalla sua abitazione dove ha subito confessato ai presenti l’accaduto.  Pare che in un primo momento nessuno lo abbia creduto visto che, nel quartiere, un po’ tutti sono a conoscenza dei suoi problemi di salute. Solo che le macchie di sangue sugli abiti dal 52enne sono state successivamente una prova inconfutabile della sua colpevolezza.

Ad allertare i carabinieri, oltre ai vicini di casa, è stato un consigliere comunale, Pasquale Sorrentino, per avvertirli che Giordano si trovava ancora dinanzi al bar. Le indagini proseguono a tutto campo, ma sembra ormai certa la dinamica dell’omicidio: la donna è stata mortalmente colpita alla testa più volte dal figlio, con uno dei piedi di legno di un letto. Nei prossimi giorni, comunque, il medico legale Giovanni Zotti effettuerà l’autopsia sul cadavere della vittima per chiarire tutti i dettagli. Ancora sconcerto tra i residenti del quartiere Casa Marrazzo, secondo i quali la famiglia in questione sarebbe stata sempre “molto tranquilla”.  
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma tra le due Nocera, giovane geometra si toglie la vita

  • Eboli, sequestrata una macelleria: il proprietario tenta di aggredire i carabinieri

  • Via Pietro del Pezzo: rissa in pizzeria, intervengono i carabinieri

  • Ultras Salernitana a lutto: è morto Antonio Liguori

  • Settecentomila lettere in partenza dall'Agenzia delle Entrate

  • Delitto di Baronissi, l'imputato "cosciente ma con disturbi della personalità"

Torna su
SalernoToday è in caricamento