menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piano aziendale Asl, Antonacchio difende Viggiani: "Assurdo prendersela con lui"

Il segretario generale della Cisl Funzione Pubblica interviene nel dibattito sui presunti mancati ingressi di personale interessato ai processi di mobilità

La Cisl scende in campo per prendere posizione sulla nuova situazione aziendale al Ruggi d'Aragona con il suo segretario generale Pietro Antonacchio: “Dispiace dover constatare che ai tavoli si dicono cose che puntualmente si smentiscono mostrando spesso poca attenzione alla complessità di gestione delle strutture sanitarie. Pensare di colpevolizzare, a meno di una settimana dal mandato, ricevuto il manager Viggiani su presunti mancati ingressi di personale interessato ai processi di mobilità mi sembra velleitario".

Poi spiega: "Il manager della Azienda Universitaria Ospedaliera di Salerno ha chiesto a tutte le rappresentanze un tempo minimo per prendere coscienza dello stato dell’arte in cui la struttura sanitaria salernitana versa e fare una agenda di priorità su cui intervenire. Appare evidente che il fabbisogno assistenziale necessità di un adeguamento della dotazione organica e che allo stato non è dato conoscere se nei fatti siano solo medici e infermieri le maggiori criticità, dimenticandosi che le carenze di organico investono tutte le altre professionalità sanitarie operanti in una azienda ospedaliera universitaria".

A questo punto Antonacchio entra nel merito: "Come è altrettanto tutt’altro che residuale, se si vuole smettere di imporre le proprie personali priorità, non ipotizzare che prima di ogni processo di mobilità sarebbe opportuno avviare una seria discussione sulla elaborazione della dotazione organica, processo che qualora determinato apre la strada alla definizione del piano triennale di assunzioni che è un obbligo contrattuale e legislativo per avviare qualsiasi percorso di adeguamento degli organici. Inoltre sembrano inopportune accelerazioni su alcuni aspetti essenziali per il futuro di molti professionisti del settore e dimenticarsi di quanto disposto dall’art.1, comma 565 lettera c) punto 3) della L. 296/2006 che prevede per gli enti del Servizio Sanitario Nazionale la possibilità di trasformare le posizioni di lavoro già ricoperte da personale precario, lavoratori a tempo determinato, con contratto di collaborazione coordinata e continuativa o con altre forme di lavoro flessibile o con convenzioni, in posizione di lavoro dipendente a tempo indeterminato".

Infine l'esponente della Cisl conclude: "Su tali aspetti è stata emanata una apposita circolare che nella premessa ribadiva che, per l’avvio delle procedure concorsuali nell’ambito degli Enti del Servizio Sanitario Nazionale, il decreto legislativo  101/2013 convertito in legge 125/2013 ha previsto che sia emanato un apposito Dpcm La complessità della tematica relativa alle procedure di reclutamento impongono attenzione alle dinamiche, poiché qualora affrontata con genericità potrebbe arrecare gravi e irreversibili danni a chi opera con estrema dedizione e professionalità, ma senza avere alcuna certezza sul proprio futuro lavorativo. E’ una impresa difficile e complessa e che richiede massima attenzione da parte del sindacato”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Punta Campanella: avvistato un esemplare di balena grigia

  • social

    Laureana Cilento, consiglieri donano fiori alle piazze del paese

  • social

    Lotto tecnico, continuano le vincite: ecco i nuovi numeri

Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento