Scarsa sicurezza nelle scuole: protesta degli studenti salernitani

I manifestanti: "Chi de-finanzia la cultura e non la mette al primo è nemico di tutti i luoghi della formazione, che siano essi scuole o università"

Foto archivio

Stamattina sono scesi in piazza universitari e studenti delle scuole per "rifiutare la Buona Scuola e chiedere orizzontalità tra i banchi". "Chi de-finanzia la cultura e non la mette al primo è nemico di tutti i luoghi della formazione, che siano essi scuole o università. - hanno spiegato gli studenti - Perchè c'è un assente perenne nel nostro Paese da decenni, è il Diritto Allo Studio, è un piano serio di adozione: adozione collettiva di una mente quando nasce, cresce e cambia. In rivolta in più forme, con più mezzi, su più fronti, con molte facce, facendosi spazio. Ma soprattutto tra le strade".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Numerosi gli studenti provenienti da diversi istituti della provincia che hanno sfilato lungo Corso Vittorio Emanuele a Salerno, per sensibilizzare istituzioni ed opinione pubblica sul problema della sicurezza negli istituti scolastici, a seguito dei recenti cedimenti strutturali avvenuti in alcuni istituti del territorio. La manifestazione si è conclusa sotto Palazzo Sant’Agostino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, Sarno si sveglia in lacrime: muore Michele, 38enne ricoverato al Ruggi

  • Suicidio a Salerno, si lancia dalla finestra e muore sull'asfalto

  • "Alimenti scaduti nel mio pacco": il direttore del Banco Alimentare risponde alla mamma di Pontecagnano

  • Covid-19, sospende il pagamento dell'affitto per gli inquilini in difficoltà: il bel gesto di una cittadina di Baronissi

  • Coronavirus: 1° contagio a San Mango e nuovo caso a San Severino, i nomi dei pazienti

  • Coronavirus: nuovi contagi a Baronissi e a San Valentino Torio, Valiante dà il nome

Torna su
SalernoToday è in caricamento