menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Zuffa tra amici di zampa in via San Leonardo, parla il proprietario del cane "assassino"

Ha fatto molto scalpore la zuffa canina avvenuta in via San Leonardo e culminata con la morte di un cagnolino. Il proprietario del cane "assassino", però, ha tenuto ad inviarci una lettera : il Labrador ha difeso il suo padrone

Ha fatto molto scalpore la zuffa canina avvenuta in via San Leonardo e culminata con la morte di un cagnolino. Il proprietario del cane "assassino", però, ha tenuto ad inviarci una lettera per chiarire la dinamica dell'accaduto. Il signor V.D.M., padrone del Labrador al guinzaglio, infatti, inizia con il puntualizzare che l'altro cane, di taglia più piccola, era condotto da un ragazzino di 12 anni. "Quando ho visto il ragazzino con il cane più piccolo, sono tornato subito indietro per evitare qualsiasi incontro - racconta il salernitano - Nonostante questo, mi sono trovato alle spalle, a distanza di circa 15 metri, la coppia cane-padroncino. Il cane piccolo ha iniziato a ringhiare contro me e il mio cane sfuggendo al controllo del padroncino e venendoci incontro".

Secondo quanto spiegato da V.D.M., il cagnolino si sarebbe avvinghiato al Labrador, al che V.D.M. ha gridato per cercare di allontanarlo, ma invano: "Il cagnolino mi ha morso ad una mano  a cui è rimasto attaccato nonostante io ritraessi il braccio (sono stato medicato con diversi punti di sutura al Pronto Soccorso) - continua- A quel punto il mio cane lo ha afferrato al treno posteriore per cui è stato sbatacchiato fino a restare moribondo". Smentisce la lite tra i proprietari, inoltre, il signor V.D.M.: "Il papà del piccolo proprietario del cane morto si è addirittura offerto di accompagnarmi al Pronto Soccorso poichè la mia mano continuava a sanguinare, ma ho declinato perchè mi ha accompagnato mio figlio - conclude dispiaciuto - Purtroppo un cagnolino ci ha lasciato le penne, ma se il cane sfuggito al suo proprietario fosse stato più grosso, ci avrebbe rimesso la vita l'assassino che sarebbe diventato la vittima: da qui un'esortazione al controllo attento dei propri amici di zampa".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento