menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ottiene i finanziamenti ma poi chiude l'attività: sequestrati beni al titolare di una palestra

Il provvedimento è stato eseguito dai militari della Guardia di Finanza nei confronti di N.M., rappresentante legale di una società con sede legale a Fisciano, che gestisce una struttura sportiva a Salerno

I finanzieri del comando provinciale di Salerno, su disposizione della Procura di Nocera Inferiore, hanno eseguito  un decreto di sequestro preventivo per equivalente di denaro, beni mobili e immobili, per un importo complessivo di 136 mila euro emesso dal Gip del Tribunale

L’operazione

Il provvedimento è stato eseguito nei confronti di N.M., rappresentante legale di una società con sede legale a Fisciano, che gestisce una palestra a Salerno. L’ipotesi è di “malversazione a danno dello Stato”, prevista e punita dall’alt 316 bis del Codice Penale. Le indagini dei militari hanno consentito di accertare che il titolare, attraverso Invitalia S.p.a., aveva beneficiato di un contributo a fondo perduto e di un mutuo a tasso agevolato per la somma di 136.254,81 euro, sfruttando le opportunità offerte dal decreto legislativo 185/2000. Tale normativa consente in effetti di ottenere particolari agevolazioni finanziarie per il sostegno alla realizzazione e all’avvio di piccole attività imprenditoriali, in particolare da parte di persone in cerca di prima occupazione o, più in generale, di disoccupati.

Grazie ai riscontri documentali delle Fiamme Gialle di Salerno è emerso che l’uomo, una volta ottenuti i finanziamenti richiesti, non ha mai corrisposto le rate del mutuo, chiudendo l’esercizio prima del termine minimo dei cinque anni fissato per il mantenimento del beneficio di legge. Lo stesso indagato, inoltre, cessata l’iniziale attività, ha distratto le attrezzature e i macchinari della palestra dalle finalità previste nel programma dì investimento, utilizzandole presso un altro centro sportivo dilettantistico, aperto in un momento successivo e formalmente gestito da un suo congiunto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento