Cronaca

"Non violentarono la donna russa", tre uomini assolti dopo 19 anni

Due dei tre imputati di San Giovanni a Piro sono deceduti. La sentenza è stata emessa dal tribunale di Vallo della Lucania

Dopo diciannove lunghi anni tre uomini di San Giovanni a Piro (due dei quali deceduti) sono stati assolti dalla grave accusa di aver abuso sessualmente una donna russa dopo un festino nel comune di San Giovanni a Piro. L’unico superstite ha dovuto attende la sentenza di giovedì scorso per poter tirare un respiro di sollievo dopo essersi sempre difeso in ogni sede. A processo insieme all’artigiano in questione, erano finiti anche un imprenditore e un pescatore

I fatti

L’inchiesta fu aperta dopo le accuse rivolte dalla presunta vittima nei confronti dei tre uomini, che suscitarono fin da subito molte perplessità anche tra gli stessi abitanti del piccolo paesino cilentano. Di qui l’avvio delle indagini da parte dei carabinieri coordinati alla Procura di Vallo della Lucania che consentirono di sgominare un traffico di prostituzione proveniente dall’Est Europa, che avrebbe indirizzato la donna russa e il marito a Scario, dove la stessa sera del loro arrivo, organizzarono una cena, innaffiata da molto vino e poi superalcolici, con un pescatore del posto. Da quella cena le accuse mosse nei confronti dei tre uomini.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Non violentarono la donna russa", tre uomini assolti dopo 19 anni

SalernoToday è in caricamento