menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Paciello (foto Facebook)

Paciello (foto Facebook)

Strage di Sassano, "Gianni non deve tornare": centinaia di firme raccolte

I genitori delle vittime si sono recati dal procuratore della Repubblica presso il tribunale di Lagonegro, Vittorio Russo, per chiedergli di non far ritornare nella propria abitazione Paciello. Si dissociano la madre e il padre

"Gianni Paciello non deve ritornare a Sassano". Questa la richiesta della petizione avviata da qualche giorno a Sassano: centinaia le firme raccolte per non far rientrare, nel centro agricolo-commerciale del Vallo di Diano, Gianni Paciello, il 22enne che il 28 settembre scorso, da ubriaco, investì e uccise con la sua auto quattro giovani seduti dinanzi al bar "New Club 2000", tra cui suoi fratello.

I genitori delle vittime del tragico incidente la scorsa settimana si sono recati dal procuratore della Repubblica presso il tribunale di Lagonegro, Vittorio Russo, chiedendogli un'accelerazione delle indagini e di non far ritornare nella propria abitazione Paciello: a tale richiesta si sono dissociati i genitori del colpevole, ma anche di una delle vittime, il fratellino di 14 anni. Il 22enne attualmente è ai domiciliari presso il reparto detenuti dell'ospedale San Giovanni di Dio Ruggi d'Aragona di Salerno, ma potrebbe essere dimesso la prossima settimana. Al gip, dottoressa Iodice, spetterà decidere se concedere o meno gli arresti domiciliari a Paciello.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Punta Campanella: avvistato un esemplare di balena grigia

  • social

    Laureana Cilento, consiglieri donano fiori alle piazze del paese

  • social

    Lotto tecnico, continuano le vincite: ecco i nuovi numeri

Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento