Stupro a Santa Teresa, la Cassazione conferma la condanna per lo straniero

I giudici del "Palazzaccio" hanno respinto il ricorso presentanto da uno dei due marocchini accusati della violenza sessuale ai danni della donna. Ora rischia l'espulsione

La Corte di Cassazione conferma la sentenza di condanna a quattro anni di reclusione nei confronti di uno dei marocchini che, tre anni fa, stuprarono una donna (dipendente delle Ferrovie dello Stato) sulla spiaggia di Santa Teresa a Salerno respingendo il ricorso presentato dall’imputato. Ora l’uomo rischia l’espulsione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il dramma

Secondo quanto ricostruito nelle sentenze di primo e secondo grado, i due, dopo aver consumato un paio di birre con la vittima, loro connazionale, la spinsero sul muretto per poi violentarla. Furono entrambi condannati a quattro anni di carcere in primo grado, con il giudizio abbreviato. I giudici hanno spiegato che la vittima, sin dall'approccio iniziale con i due, aveva mantenuto un comportamento non proprio lineare. Era scesa in spiaggia all'una di notte, dando confidenza a due sconosciuti, poi si era intrattenuta con loro per bere birra e chiacchierare, ricevendo anche delle carinerie. Poi, pur percependo la situazione di pericolo, non si era allontanata. Uno dei due si limitò a guardarla, poi l'aveva toccata nelle parti intime. Secondo il collegio, la donna invece di fuggire, invitò uno dei due in auto, per evitare che si rendesse irreperibile. Riuscendo, così, ad assicurarlo ai carabinieri. La vittima vagò per mezz'ora, quando alle 6 del mattino, nel parcheggio dell'Armafer, non giunse l'amico con il quale dovevano raggiungere Napoli per sostenere un esame. Fu proprio l'uomo ad avvisare le forze dell'ordine, indicando il parcheggio, l'uomo nell'auto, spiegando tra l'altro che c'era una donna in difficoltà. La visita ginecologica e i segni sul collo e le braccia confermarono la violenza. La donna fu trovata scalza e in preda ad uno stato confusionale, mentre uno dei suoi aggressori era ubriaco, con la cerniera dei pantaloni abbassata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna lo spettro del Covid-19 a Salerno città, la denuncia del Comitato San Francesco e l'appello di Polichetti

  • Sorpresa in Costiera, "Fratacchione" Fazio in vacanza ad Amalfi

  • Coronavirus, 27 nuovi contagi in Campania: il bollettino

  • Covid-19: positiva una dipendente bancaria a Salerno

  • Covid-19, altri 7 contagi in Campania: i dati del bollettino

  • Cilento, avvistato il proprietario di "Louis Vuitton" con il suo mega yacht

Torna su
SalernoToday è in caricamento