menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Quasi 2 quintali di hashish da Nocera a Palermo: arrestati due trafficanti di droga

La droga al mercato al dettaglio avrebbe fruttato ai narcotrafficanti almeno un milione di euro. Uno dei due arrestati percepiva il reddito di cittadinanza

Sono stati arrestati a Napoli e a Palermo, due trafficanti di droga, accusati di essere i responsabili di una spedizione a Palermo di quasi due quintali di hashish, contenuti in otto cartoni individuati presso un centro di smistamento postale a Carini.

Il sequestro

Il sequestro è stato eseguito nel giugno scorso dal Gico della guardia di finanza. Le analisi sulle banche dati della ditta di spedizioni, ignara di quanto accadeva, hanno consentito di risalire alla spedizione sospetta, proveniente da Nocera Inferiore, in provincia di Salerno, e ai soggetti interessati al ritiro dei pacchi contenenti la droga che, per un disguido tecnico, non è stata consegnata loro dall'azienda. I due uomini, G.G. di Palermo, di 25 anni, e A.P., di Terzigno, in provincia di Napoli, 28enne, sono stati individuati rispettivamente come destinatario e mittente dell'ingente partita di droga e arrestati a seguito dell'ordinanza emessa dal gip di Palermo Rosario Di Gioia, su richiesta del pm Giulia Beux e dell'aggiunto Ennio Petrigni. La droga sequestrata era destinata allo spaccio sulle piazze di Palermo e al mercato al dettaglio avrebbe fruttato ai narcotrafficanti almeno un milione di euro.

Il reddito

Dalle indagini delle Fiamme Gialle è stato scoperto che che il trafficante palermitano, destinatario della sostanza stupefacente, ufficialmente disoccupato e senza reddito, dall’estate scorsa percepiva il reddito di cittadinanza per un ammontare di 500 euro mensili.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Salerno: San Matteo ed il Miracolo della Manna

social

Turismo, la spiaggia di Santa Teresa su "Lonely Planet": l'annuncio del sindaco

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento