menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Truffe all'Inps, sequestri per 20 milioni di euro: quattro arresti a Pagani

Assunzioni fittizie di lavoratori, per intascare indebitamente i contributi previdenziali dall'Inps: truffa sventata con il prosieguo dell'operazione Mastrolindo

Tre consulenti del lavoro agli arresti domiciliari, una quarta persona ricercata a Pagani (Salerno) dai carabinieri del Reparto Territoriale di Nocera Inferiore che hanno scoperto una truffa ai danni dell'Inps. L'operazione rientra nell'attività investigativa avviata nel 2011 e denominata 'Mastrolindo'. Si tratta dell'ennesimo filone d'indagine della Procura della Repubblica di Nocera Inferiore che mira a contrastare la creazione di aziende, spesso inesistenti, grazie alle quali vengono costituiti migliaia di rapporti di lavoro fittizi - principalmente nel settore del terziario - allo scopo di truffare l'Inps nelle indebite erogazioni previdenziali ma anche assistenziali, come le indennità di disoccupazione, maternità e malattia.

L'operazione di oggi ha permesso di individuare le "aziende" coinvolte che, nonostante sul piano amministrativo avessero "regolarmente" assunto le maestranze, di fatto omettevano anche di versare i previsti contributi nelle casse dell'Inps. Le tre persone finite ai domiciliari sono: R.Z 53 anni, G.L di 41 anni e G. C di 44 anni. I tre devono rispondere a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di truffe aggravate per il conseguimento di erogazioni pubbliche e di truffa aggravata. Nei confronti degli indagati, che complessivamente sono sette, (tre sono a piede libero) è stato disposto il sequestro dei beni, anche per equivalente, per complessivi 20 milioni di euro.

L'operazione 'Mastrolindo' ha consentito di eseguire sino a oggi complessivamente 40 ordinanze di cautelari personali, di cui 31 agli arresti domiciliari e di disporre il sequestro per equivalente dei beni per oltre 108 milioni di euro, quale provento dell'illecita attività. Sono state inoltre individuate e annullate circa 10.000 posizioni lavorative fittizie, inserite in aziende agricole e del terziario risultate prevalentemente inesistenti, nei confronti dei titolari delle quali sono già in corso le operazioni di sequestro patrimoniale per somme equivalenti a quelle illecitamente percepite.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Salerno: San Matteo ed il Miracolo della Manna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento