menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vertenza Sita, Gianfranco Valiante attacca le Province

Il consigliere regionale del Pd si scaglia contro le province "appaltanti" e chiede alla Regione di intervenire in merito alla questione

"La regione Campania deve procedere alla diffida delle province di Napoli, Salerno e Avellino imponendo l'obbligo di servizio alla società Sita Sud e trasferendo le risorse necessarie" così Gianfranco Valiante, consigliere regionale salernitano del partito democratico, a proposito della vertenza relativa alla Sita. Valiante ha evidenziato come la società Sita Sud "denunci da tempo una situazione economica di forte perdita relativamente ai servizi di trasporto pubblico locale effettuati nella Regione Campania per effetto dei contratti stipulati con le province di Avellino, Napoli e Salerno". Per la Sita Sud, rimarca Valiante, il risultato negativo "è da ascriversi esclusivamente all'inadeguato corrispettivo - mediamente 1,75 euro/km - e scarsa possibilità di incidere sui ricavi da traffico facendo parte la società del Consorzio Unico Campania. La Sita Sud evidenziava peraltro, che nonostante i servizi fossero svolti negli stessi territori dove effettuano servizi anche aziende pubbliche il corrispettivo euro/km è minore di ben 0,90 euro/km".

"La Regione e le Province inadempienti - ha aggiunto il consigliere regionale - si sono impegnate a riconoscere le compensazioni alla Sita secondo le attuali modalità e percorrenze ma ad oggi solo la Regione Campania ha imposto gli obblighi di servizio pubblico per le linee di sua competenza mentre le province di Napoli, Avellino e Salerno hanno disatteso gli intenti. Questo comportamento scarica sull'azienda l'individuazione e la pianificazione dei servizi minimi, atti che sono di competenza degli enti appaltanti. Peraltro - spiega Valiante - se l'azienda dovesse seguire questa logica è del tutto evidente che le riduzioni chilometriche imposte si tradurrebbero in esuberi di personale. In caso di mancata ed incompleta definizione della questione l'azienda ha già annunciato la messa in mobilità di tutto il personale (462 unità) e l'abbandono della regione Campania".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Salerno usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Moderna e Pfizer: ecco cosa cambia da lunedì

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento