Miasmi dall'isola ecologica di Baronissi, Galdi: "Intervenga il sindaco"

Il consigliere comunale, in questi giorni, ha raccolto diverse istanze dei cittadini residenti nella zona

“Chiediamo all’Amministrazione comunale un intervento immediato e risolutivo per fronteggiare l’emergenza rifiuti che da giorni sta interessando l’isola ecologica  di Baronissi”. A dirlo è il consigliere comunale Luca Galdi che, raccogliendo diverse istanze dei cittadini residenti in quell’area, ha chiesto al sindaco Gianfranco Valiante e alla sua maggioranza di mettere in campo iniziative valide per fronteggiare l’emergenza. “I cittadini – tuona il leader dell’opposizione – sono costretti a convivere per intere giornate con cattivi odori provenienti dall’isola ecologica. È una situazione intollerabile e per la quale va trovata subito una soluzione. Siamo ben consapevoli dell’emergenza rifiuti che è in atto ma, allo stesso modo, bisogna tener conto che queste criticità perdureranno anche nei prossimi mesi. L’Amministrazione utilizzi tutte le tecnologie disponibili per abbattere i cattivi odori anche perché la gestione dell’impianto è interamente a capo della ditta che si è aggiudicata l’appalto. Il Comune, dunque, dovrà sollecitarla per fare in modo che non si arrechino gravi disagi ai cittadini”.

L'assist

Sulla stessa linea anche il consigliere comunale Serafino De Salvo che si dice preoccupato “per la scarsa informazione da parte dell’Amministrazione sulla situazione igienico-sanitaria riguardante l’isola ecologica". Disagi che non vivono soltanto i cittadini residenti nei pressi del sito ma anche "gli utenti e gli operatori che vi lavorano all’interno”. Per De Salvo l’Amministrazione deve “dire con chiarezza se i cassoni che attualmente ospitano le quantità accumulatesi della frazione organica umida, che è bene ricordarlo normalmente deve essere avviata agli impianti di recupero entro 72 ore, sono idonei e a tenuta, al fine di prevenire la formazione di emissioni odorigene e la fuoriuscita di percolato. Se così non fosse – conclude De Salvo -, onde evitare conseguenze ancora più gravi, si attrezzi di strutture idonee per fronteggiare per il presente e per il futuro, situazioni di emergenza che, come sta accadendo ora, non possono ripercuotersi sui cittadini e sui lavoratori”.

Potrebbe interessarti

  • "Aiuto, abbiamo la casa invasa da serpenti": incubo per una famiglia di Teggiano

  • Battipaglia, serpente a spasso in via De Amicis: l'appello

  • Mare sporco a Salerno: denunce e proteste dei cittadini

  • Sette cartomanti in poche centinaia di metri: nuova "invasione" sul lungomare

I più letti della settimana

  • Incidente a Giovi: auto finisce in un precipizio, 4 feriti gravi. Scannapieco in pericolo di vita

  • Lutto a Salerno, morto il medico-pediatra Luca Budetta

  • Tragedia in Costiera Amalfitana: uomo si impicca a Vettica

  • Colto da malore appena arriva in azienda: morto 49enne ad Atena Lucana

  • "Aiuto, abbiamo la casa invasa da serpenti": incubo per una famiglia di Teggiano

  • Incidente a Giovi: ecco le condizioni di salute dei quattro feriti

Torna su
SalernoToday è in caricamento