menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
De Luca e Renzi

De Luca e Renzi

Assist di De Luca a Renzi: "Fa bene a non far dimettere gli indagati"

L'ex sindaco di Salerno difende la decisione del premier di non far dimettere i sottosegretari indagati da diverse Procure italiane nonostante le dimissioni di Lupi (non indagato)

“Io non chiederò le dimissioni ai miei sottosegretari indagati perché non è possibile che siano i magistrati a dettare la linea dell’esecutivo" dichiara il premier Matteo Renzi in merito allo scontro politico ancora in atto scaturito dalle dimissioni dell’ex ministro Maurizio Lupi (non indagato ma coinvolto in un’inchiesta giudiziaria della Procura di Firenze ancora da chiarire).

Parole inequivocabili quelle di Renzi, a cui arriva l’assist del candidato governatore del Pd in Campania Vincenzo De Luca, condannato in primo grado per abuso d'ufficio: “Credo che il presidente del consiglio abbia fatto un’affermazione di pura civiltà democratica e politica, di rispetto degli equilibri dei poteri. Il presidente ha deciso di aprire una nuova stagione nella vita pubblica di questo paese, fatta di meno ipocrisia e più sostanza. Noi – aggiunge - dobbiamo darci delle leggi che ci consentano di colpire al cuore ladri e tangentisti, ma che rispettino fino in fondo la dignità dei cittadini e la vita di quelli che continuano ad assumersi responsabilità nella vita pubblica di questo paese. L’Italia è ormai un paese paralizzato: qui non decide più nulla nessuno e quei pochi che prendono delle decisioni devono vivere con angoscia per la firma che mettono. In queste condizioni – conclude De Luca - l’Italia è morta”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento