Segnalazioni

Acqua blu nel fossato tra Bellizzi e Montecorvino Rovella: la denuncia di un lettore

La segnalazione agli organi competenti è stata fatta ma “di fronte alla richiesta di intervento c’è stata solo una scrollata di spalle e inviate una mail”

Questa mattina, intorno alle 10.30, il fossato della Strada Statale Regionale 164, che collega Bellizzi a Montecorvino Rovella all’altezza della frazione di Macchia, di fronte contrada Pianella, si colorava di blu. A segnalacelo un lettore che si domanda: “Perche?? Di cosa si tratta? Quale veleno è stato buttato nella nostra strada?? Quale veleno è stato riversato nella nostra terra?? Ancora una volta si approfitta della pioggia mattutina per scaricare nei fossati i veleni delle industrie”. Non mancano le critiche: “E allora, ti aspetti che l’amministrazione comunale, la stampa locale, e chi di dovere siano già all’opera e stiano facendo le indagini del caso. Ma, peccato, che sul posto non c’era nessuno”.

L'appello alle istituzioni

La segnalazione agli organi competenti è stata fatta ma “di fronte alla richiesta di intervento c’è stata solo una scrollata di spalle e inviate una mail”. Di qui l’ira del nostro lettore: “Mi domando se sono l ‘unico ad aver visto ciò, quanti cittadini hanno allarmato gli enti competenti….non facciamo finta di non vedere, di non sapere, se chiudiamo un occhio e giriamo la faccia diventiamo tutti compici di questi delinquenti che uccidono la nostra terra, le nostre campagne, il nostro mare e non lamentiamoci che i nostri figli sono senza alcuna prospettiva di una vita sana. E non è tutto perché dopo circa un’ora l’acqua si trasforma e diventa rossa: abbiamo fatto l’arcobaleno!! Intanto un grazie alla polizia municipale, al comune di Montecorvino Rovella, alla comunità montana dei Monti Picentini, ai Carabinieri a tutti quelli che hanno visto e a chi sa e conosce questa situazione e non dice nulla”.

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acqua blu nel fossato tra Bellizzi e Montecorvino Rovella: la denuncia di un lettore

SalernoToday è in caricamento