Covid-19: oggi la cabina di regia, possibile passaggio della Campania in zona arancione

Cinque regioni, alias Campania, Liguria, Veneto, Toscana e Umbria e la provincia autonoma di Bolzano rischiano il passaggio dalla zona gialla a quella arancione: ecco perchè e cosa cambierebbe

Il bollettino della Protezione Civile ieri ha certificato che il numero di nuovi contagi giornalieri in Italia si avvicina inesorabilmente verso quota 40mila, con il totale degli attualmente positivi che sfonda il muro dei 500 mila (per l'esattezza 532.536), portando al 17,1% il tasso di contagio. Quasi un terzo arriva dalla "rossa" Lombardia dove il tasso di positività raggiunge il 25%. Vale a dire che una persona su quattro che si sottopone a tampone risulta positiva. Nella sola Milano i nuovi casi sono 1.758.  Ed oggi si riunisce la cabina di regia per l'emergenza e si attendono quindi nelle successive 24 ore le ordinanze del ministro della Salute Roberto Speranza: cinque regioni, alias Campania, Liguria, Veneto, Toscana e Umbria e la provincia autonoma di Bolzano rischiano il passaggio dalla zona gialla a quella arancione.

Le motivazioni

"La Campania è zona gialla perché il governo ha interpretato i dati della situazione al 25 ottobre, quando cioè era migliore, perché avevamo assunto misure più restrittive rispetto al resto del Paese. - ha spiegato all'Ansa Italo Giulivo, il coordinatore dell’Unità di crisi regionale - Il Governo fissa il colore della fascia di rischio guardando dallo specchietto retrovisore e questo vuol dire che abbiamo lavorato bene sulla prevenzione. Ma penso che con l’analisi dei nuovi dati potremmo diventare zona arancione e ciò confermerebbe le nostre preoccupazioni. Sarei perplesso se dovessimo rimanere in zona gialla". Non resta che attendere.

Cosa cambierebbe

Se la Campania diventasse zona arancione, rispetto alle misure anti-contagio già in vigore, si introdurrebbe la chiusura delle attività dei servizi di ristorazione come bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie che potrebbero offrire, tuttavia, l'asporto fino alle 22 e la consegna a domicilio senza restrizioni. La zona arancione comporterebbe, oltre che limitare la circolazione dalle 22 alle 5 del mattino salvo che motivi di necessità come già previsto, anche misure più severe, come il divieto di spostamento in entrata e in uscita da una Regione all’altra e da un comune all’altro, salvo che per motivi di salute e lavoro, messi per iscritto sull'autocertificazione.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm 3-4 dicembre: cosa cambierà, le anticipazioni

  • La strage del Covid-19: muore nella notte 33enne incinta, Nocera piange Veronica

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Beccato alla guida senza mascherina: multato conducente in autostrada

  • Morte di Veronica, la Lucarelli contro un giornalista locale: "Era importante specificare che fosse innamorata?"

  • Salerno a lutto, è morto Ciro Di Lorenzo: ora veglierà sulla sua Maria Pia

Torna su
SalernoToday è in caricamento