rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
Attualità

"Rischiamo di chiudere i pronto soccorso, è una scelta politica del Governo": De Luca lancia l'allarme nella diretta del venerdì

“Non posso pensare – ha detto il governatore – che siano così stupidi da non rendersi conto che se non stanzi nemmeno un euro nella legge di Bilancio è evidente che arriveremo a situazioni drammatiche”

“Non credo che si possa dire che sia una scelta casuale: si sta mettendo in ginocchio la sanità pubblica: questo è un obiettivo politico”. Lo ha detto il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, durante la consueta diretta Facebook del venerdì. “Non posso pensare – rincara il governatore – che siano così stupidi da non rendersi conto che se non stanzi nemmeno un euro nella legge di Bilancio è evidente che arriveremo a situazioni drammatiche”. Per De Luca “le decisioni e le non decisioni del governo, stanno mettendo in ginocchio la sanità pubblica, l’irresponsabilità del governo nazionale per quello che ha fatto nella legge di bilancio rischia di creare una situazione per la quale si rischia di non riuscire a tenere aperti i pronto soccorso per mancanza di risorse e personale”.


“Il governo ha stanziato 2 miliardi di euro che servono a malapena a sostenere l’aumento dei costi dell’energia delle strutture sanitarie, non c’è un euro in più per personale sanitario. - continua il Governatore -  Nessuno si sta interessando alla carenza di personale anche con misure straordinarie, anche utilizzando e pagando adeguatamente gli specializzandi, dal mio punto di vista è qualcosa di sconvolgente. D'altra parte stiamo leggendo sulla stampa di tutte le parti d'Italia delle situazioni di emergenza che si stanno creando soprattutto per le liste d'attesa e per i pronto soccorso".


L'aumento del prezzo della benzina

Il governatore campano ha poi puntato i riflettori sul tema degli aumenti sulla benzina: "Abbiamo registrato un aumento francamente sconcertante del prezzo della benzina. Il Governo non ha ritenuto di fare alcun intervento sulla tassazione che pesa sul prezzo della benzina, dando francamente una prova grande di incoerenza. Questo penalizza due volte gli italiani: la prima per l'aumento del prezzo della benzina. La seconda perchè quando aumenta il costo della benzina, aumenta quello del trasporto per tutti i prodotti ed in modo particolare per quelli alimentari. Quindi per le prossime settimane dobbiamo aspettarci un ulteriore aumento dei prezzi per i prodotti agricoli e alimentari. A me pare una scelta irresponsabile. Meloni ha detto che non ci sono soldi, ma non c'erano neanche tre mesi fa quando si faceva la campagna elettorale. Se non ci sono soldi per impedire l'aumento dei prezzi dei prodotti alimentari, vuol dire che risparmi il quasi miliardo di euro che è stato regalato alle società sportive di calcio in queste condizioni. Allora non vale nessuna delle giustificazioni addotte. Ad oggi la situazione è estremamente preoccupante", ha concluso De Luca.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Rischiamo di chiudere i pronto soccorso, è una scelta politica del Governo": De Luca lancia l'allarme nella diretta del venerdì

SalernoToday è in caricamento