Lunedì, 15 Luglio 2024
Cronaca Cava de' Tirreni

Cava, abbattuta una casa abusiva. Una residente: "Arrivano le ruspe, non so dove andare"

Il sindaco Servalli: "La posizione del Comune si è sempre ispirata ai principi di legalità e trasparenza e si inserisce nel quadro dell’evoluzione delle normative regionali in materia di abusivismo di necessità"

Ora si trova senza casa la signora Pina Fariello che, nelle ultime ore, ha visto la sua casa, di circa cento metri quadrati e situata in località Contrapone a Cava de’ Tirreni, distrutta da una gru. La sua abitazione, come molte altre presenti nella zona, era abusiva. Grazie all’interessamento del sindaco Vincenzo Servalli, l’abitazione, che era una prima casa, è stata acquisita a patrimonio comunale proprio per evitare l’abbattimento. “Per l’immobile, oltre a versare diecimila euro di arretrati per il fitto, avrei dovuto versare un canone di circa trecento euro mensili. Ma - racconta la signora Pina all’Ansa - non ho avuto in tempo di iniziare i versamenti, perché è arrivata tempestiva la comunicazione di abbattimento”. La donna è completamente afflitta: “Ora non so dove andare. Sono separata, ho 65 anni, sono una dipendente ospedaliera e a casa con me abita mio figlio, trentenne disoccupato. Nonostante l’intervento del sindaco, gli operai inviati dalla Procura, questa mattina, hanno iniziato a togliere porte e finestre. Sono stata mandata via come se fossi una delinquente. Domani arriverà la ruspa e io non so più cosa fare”.

Sulla questione è intervenuto direttamente il primo cittadino “Il provvedimento di abbattimento di una casa situata in località Contrapone, si riferisce ad un immobile acquisto al patrimonio del Comune e sul quale, il Consiglio Comunale, ha dichiarato il preminente interesse pubblico, per housing sociale, allo scopo di dare una risposta al problema abitativo che attanaglia tante persone. Quella che la Procura Generale ha deciso di abbattere è, pertanto, una casa del Comune che poteva essere usata per altre finalità, non essendo costruita in zona rossa, né per una speculazione edilizia. La posizione del Comune si è sempre ispirata ai principi di legalità e trasparenza e si inserisce nel quadro dell’evoluzione delle normative regionali in materia di abusivismo di necessità. Peraltro, i provvedimenti del Comune di Cava de’ Tirreni sono analoghi a quelli assunti da tanti altri Comuni della nostra Regione in molti casi sottoposti a vincoli anche più severi. Queste differenze di orientamento, oltre a gettare una luce negativa su amministrazioni locali che hanno fatto della trasparenza il modus operandi della propria azione amministrativa, creano disorientamento tra i cittadini.  Mi auguro che sul tema si possa avere un confronto sereno e costruttivo tra Istituzioni che stanno dalla stessa parte”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cava, abbattuta una casa abusiva. Una residente: "Arrivano le ruspe, non so dove andare"
SalernoToday è in caricamento