Il Rotary Salerno Est vicino alla donazione organi del Ruggi

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Si è svolta oggi, 7 dicembre 2018, la cerimonia di consegna di attrezzature informatiche che il Rotary Salerno Est ha voluto donare al Coordinamento Donazione Organi dell’AOU San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno. Nel solco della continuità di interventi a favore dell’Ospedale Ruggi, tale progetto è nato sotto la Presidenza del Professore Antonio Vairo, presente oggi con la  moglie Filomena, e continuato con il nuovo presidente, l’avvocato Carmine Napoli, persone di grande umanità che immediatamente si sono resi disponibili  a dotare il  Coordinamento di attrezzature di cui si avvertiva l’esigenza per poter divenire maggiormente efficaci in tutto l’iter burocratico della donazione organi su cui  l’Azienda di Salerno punta tanto. Questa mattina il Direttore  Sanitario Aziendale Cosimo Maiorino, il Direttore dell’UOC di Anestesia e Rianimazione Renato Gammaldi,  la Coordinatrice Donazione Organi  Carmela Policastro ed il Responsabile della Rianimazione  Giuseppe Calicchio hanno ricevuto dalla delegazione le importanti  attrezzature che ora agevoleranno il loro lavoro.

“Voglio ringraziare il presidente di ieri e quello di oggi del Rotary per l’ennesima donazione che hanno voluto fare alla nostra Azienda – ha dichiarato il Direttore  sanitario Aziendale Cosimo Maiorino -  questa volta interessando un settore particolarmente delicato, quello della donazione organi, che vede nei medici presenti il  motore propulsivo tanto da collocare il Ruggi al secondo posto in Campania per numero di donazioni. Siamo particolarmente contenti perché le attrezzature che stiamo  ricevendo potranno velocizzare dal punto di vista lavorativo, nonché a tracciare le attività che riusciamo a mettere in campo in un settore così importante, il fine  vita”.

Il presidente Carmine Napoli, prendendo la parola, ha ricordato che il motto del suo anno è “Bisogna fare il bene ma bisogna farlo anche bene. Meglio di così, ha  sottolineato, non si poteva fare. Se voi siete felici di ricevere noi lo siamo, forse anche di più, nel donare, perché diamo un senso e un contenuto all’attività del  nostro Club. Il fatto che l’impegno del nostro club contribuisca a migliorare in maniera significativa il lavoro di chi opera in un settore così delicato ed importante  ci riempie di orgoglio”.

Il Rotary, però, è una ruota. Ed è così che è nata la continuità su un progetto cominciato con il past Presidente Antonio Vairo: “Siamo partiti con l’intento di fare  del bene e contiamo di farlo nel migliore dei modi. Noi siamo più entusiasti di voi di questa donazione perché quando ne abbiamo parlato la prima volta ed ho visto  l’entusiasmo del dottor Gammaldi, ci siamo commossi, perché chi ha vissuto esperienze legate alla medicina sa cosa significa operare in un ospedale, so quanto i medici  mettano nel loro lavoro.  Per questo ci siamo entusiasmati insieme a voi e cercheremo di restare ancora al vostro fianco”.

Il designato presidente della prossima annualità, l’imprenditore Carmine  Nobile,  ha  confermato infine la volontà a continuare una collaborazione con l’Azienda  Ospedaliero Universitaria di Salerno e, prima di andare via, passando per la Sala Rotary dove vengono accolti i parenti dei pazienti ricoverati in Rianimazione insieme  alla presidente commissione progetti del Rotary dottoressa Maria Laura Vinciguerra, e al Tesoriere Eugenio Autieri, e verificata la necessità di interventi, ha già  assunto, insieme a tutti i presenti, l’impegno di intervenire al più presto, donando anche nuove poltrone. 
 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento