menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Figlia tolta ai propri genitori, il Tribunale: "Famiglia troppo aggressiva"

Sia il padre che la madre, sono da considerarsi persone non adeguate al momento per accudire la piccola

Genitori troppo "violenti" e dediti all'uso di droga: con questa decisione il tribunale dei Minori di Salerno ha revocato l'affidamento di una bambina di 7 anni ai proprio genitori. Sia il padre che la madre, sono da considerarsi persone non adeguate al momento per accudire la piccola.

Le indagini

Le indagini della procura, generate da un procedimento poi terminato con una condanna per il padre, accusato di maltrattamenti, si sono avvalse del prezioso contribuito degli assistenti sociali. Questi ultimi, nel parlare con la bimba e verbalizzando il contenuto di ciò che ha raccontato, hanno accertato lo stato di degrado, nello specifico ambientale, nella quale la piccola avrebbe vissuto da tempo. Non solo violenza quotidiana tra il padre e la madre, con i nonni a finirci di mezzo nel generare ulteriore conflittualità tra le parti, ma anche l'uso di sostanze stupefacenti. Un'abitudine addebbitata ad entrambi i genitori, che la figlia ha confermato nelle varie sedute di ascolto. Diversi gli episodi al vaglio del tribunale dei Minori, come quello che vide la piccola essere tirata per i capelli, dopo un litigio che la madre ebbe con il padre, poco prima. La vittima, destinata ad una struttura che possa riportarla ad uno stato di benessero psico fisico, ha 7 anni. Nel revocare l'affidamento ai genitori, i giudici hanno deciso che anche la madre e il padre dovranno a loro volta seguire un percorso di recupero. Al fine di riacquistare la podestà genitoriale, ma anche la capacità di poter mediare all'interno dell'ambiente famiglia

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento