Contratto sanità privata, manca la ratifica: scioperano i sindacati

"Un fatto inaccettabile per i lavoratori che attendono l’adeguamento degli stipendi". La denuncia arriva dalle segreterie provinciali della Uil Fpl e della Cisl Fp di Salerno

Manca il contratto sanità privata, manca la ratifica di Aiop e Aris. Il 24 agosto, sciopero dei sindacati: "Un fatto inaccettabile per i lavoratori che attendono l’adeguamento degli stipendi". La denuncia arriva dalle segreterie provinciali della Uil Fpl e della Cisl Fp di Salerno.

I dettagli

"E’ assurdo che ad oltre quattordici anni dalla firma dell’ultimo Ccnl della Sanità Privata le strutture private aderenti ad Aiop e Aris, nonostante la sottoscrizione di una pre-intesa da oltre un mese, abbiano rifiutato la ratifica definitiva del contratto: un fatto grave, unico nella storia della contrattazione collettiva nazionale, che rappresenta effettivamente uno schiaffo a centinaia di migliaia di lavoratori del settore della sanità privata, che stanno aspettando un adeguamento delle loro spettanze, uniformandole a quelle degli stessi addetti della sanità pubblica. E' inspiegabile questo atteggiamento, è un comportamento che purtroppo manifesta una ulteriore volontà di giocare al rilancio mettendo a carico dello Stato, attraverso le Regioni, una consistente fetta della parte economica del contratto. Fatto ancor più grave è che tutte queste strutture hanno aderito ai protocolli regionali garantendo la loro partecipazione attraverso una organizzazione integrata con la sanità pubblica a contrasto dell’emergenza da Covid; e nel contesto da una parte tutte le regioni d’Italia, tranne ovviamente la Campania di De Luca, hanno riconosciuto una premialità ai lavoratori del settore pubblico nel mentre a tutti gli addetti del privato, a parità di rischio e di professionalità messa in campo, oltre a non aver previsto nessun riconoscimento, è stato negato anche un adeguamento contrattuale, senza curarsi della perdita del potere d’acquisto del salario intervenuta negli ultimi 15 anni".

Lo scenario

Il sindacato non ci sta e annuncia la mobilitazione: "Non accetteremo questo ricatto, e saremo pronti a uno sciopero generale di tutto il settore. Infatti, a seguito dell’esito negativo di cui alla procedura ex legge 83/2000 del 5 agosto, nel quale purtroppo le parti non sono addivenute ad un accordo a fronte dello stato di agitazione indetto dalle Segreterie Nazionali di Cgil Fp, Cisl Fp e Uil Fpl e su sollecitazioni degli stessi organismi nazionali, le scriventi segreterie provinciali comunicano che il 24 agosto dalle 10 alle 12 si terrà un presidio presso la Prefettura di Salerno il cui concentramento è previsto dalle 9.30 presso Piazza Amendola. A questa prima manifestazione seguiranno altre iniziative di mobilitazione il 31 agosto con presidi e assemblee presso tutte le sedi delle strutture Aiop e Aris".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La strage del Covid-19: muore nella notte 33enne incinta, Nocera piange Veronica

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Beccato alla guida senza mascherina: multato conducente in autostrada

  • Ospedale di Scafati, parla un paziente Covid: "Miracoli fatti in Campania? Qui mancano i caschi"

  • Lutto a Buonabitacolo: muore a 35 anni l'Appuntato Scelto Luca Ferraiuolo

  • Decreto del 4 dicembre: che cosa succederà a Natale, le indiscrezioni

Torna su
SalernoToday è in caricamento