menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Blitz a Castelnuovo di Conza: sequestrato un impianto di compostaggio

I carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Salerno, agli ordini del Capitano Giuseppe Ambrosone, insieme a quelli della Stazione Carabinieri di Laviano, hanno apposto i sigilli di sequestro ad una locale attività industriale

Sequestrato un impianto di compostaggio non autorizzato a Castelnuovo di Conza. I Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Salerno, agli ordini del Capitano Giuseppe Ambrosone, insieme a quelli della Stazione Carabinieri di Laviano, hanno apposto i sigilli di sequestro ad una locale attività industriale di recupero rifiuti speciali non pericolosi per la produzione di “compost”.

Durante il sopralluogo all’impianto produttivo, i militari hanno constatato che le vasche di accumulo del percolato, raccoglienti le acque di lavorazione e quelle meteoriche di dilavamento per il successivo avvio alle operazioni di smaltimento, erano completamente piene e tracimanti di liquido. L’attività, dunque, è risultata essere non più operativa da diverso tempo e per diverse questioni di carattere amministrativo e giudiziario in corso che vedono interessate l’attuale società di gestione affittuaria dell’impianto e la curatela fallimentare: per i rifiuti ancora giacenti, tale situazione ha generato l’accumulo di percolato nelle vasche e la successiva tracimazione del liquido. Immediatamente sono stati avvisati gli organi amministrativi competenti per il ripristino della situazione ambientale. Infine, per la gestione non autorizzata di rifiuti, è stato denunciato il legale rappresentante della società.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento