rotate-mobile
Cronaca

"Sistema Salerno": Zoccola dinanzi al Gip sul "cerchio magico", poi parla di Piero De Luca

Zoccola ha parlato anche del figlio del presidente della Regione, Piero De Luca, il deputato che, secondo l'indagato, sarebbe subentrato a De Luca padre nella gestione del "cerchio magico"

Riflettori della Magistratura puntati sul "sistema Salerno" e sul "cerchio magico": numerose le informazioni emerse dall'interrogatorio di garanzia a Fiorenzo Zoccola, dinanzi al Gip. L'indagato ha raccontato di lavorare con le cooperative salernitane dal '70 e di essere "amico dal 1989" del governatore Vincenzo De Luca. Zoccola ha tirato in ballo anche il figlio del presidente della Regione, Piero De Luca, il deputato che, secondo l'indagato, sarebbe subentrato a De Luca padre nella gestione del "cerchio magico", alias una presunta cerchia di fedelissimi a cui assicurare contatti e lavoro nelle cooperative, in cambio di sostegno elettorale.

Le dichiarazioni

"Il 70% delle persone che ho assunto mi sono state mandate dai politici", ha sottolineato Zoccola. Intanto il suo avvocato, Michele Sarno, ha chiesto i domiciliari per il suo assistito, accusato, come è noto, di associazione per delinquere e turbativa d'asta.

L'attacco di Tofalo 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sistema Salerno": Zoccola dinanzi al Gip sul "cerchio magico", poi parla di Piero De Luca

SalernoToday è in caricamento