Stella Cilento, niente olive: il Comune chiede lo stato di calamità naturale

Il vice sindaco Bianco: "Non abbiamo ancora fatto una stima dei danni, ma se la Regione dovesse accogliere la nostra richiesta, avvieremo una indagine tra le aziende"

Niente olive: il piccolo comune cilentano di Stella Cilento chiede lo stato di calamità naturale alla Regione Campania a causa della disastrosa raccolta, che quest’anno è pari quasi a zero. Un anno drammatico causato dall’andamento climatico e dall’attacco della mosca olearia, che ha messo in ginocchio la produzione di olio extravergine di oliva, prima fonte di sostentamento del territorio. “Abbiamo chiesto alla Regione Campania che venga riconosciuto lo stato di calamità naturale " dichiara il vice sindaco Giuseppe Bianco. "In tanti anni - sottolinea - non ricordo una produzione tanto disastrosa. Siamo sempre stati attenti ai problemi della cittadinanza, il nostro impegno è sempre andato in questa direzione”.

Poi spiega: ”Non abbiamo ancora fatto una stima dei danni, ma se la Regione dovesse accogliere la nostra richiesta, avvieremo una indagine tra le aziende del Comune per quantificare le perdite”. La richiesta è stata inviata anche al Ministero delle Politiche Agricole e alla comunità montana Alento-Monte Stella.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Sant'Egidio, donna muore folgorata nella doccia

  • Colto da malore mentre l'amico fa benzina: muore 30enne a San Mango Piemonte

  • Travolto da un treno ad Angri: Tobia è morto, Agro a lutto

  • Morto investito da un treno, la sorella: "Vorrei abbracciare chi ha avuto il cuore di mio fratello"

  • Paura nel Golfo di Policastro, registrate quattro scosse di terremoto in mare

  • Paura a Salerno, le onde invadono la spiaggia di Santa Teresa

Torna su
SalernoToday è in caricamento