rotate-mobile
Cronaca Sala Consilina

Vetrina incendiata a Sala Consilina: un incidente? No, una tentata truffa

Gli inquirenti hanno fatto sapere che era stato studiato tutto nei minimi dettagli dal promotore dell'azione per truffare l'assicurazione

Incendio doloso e fraudolento e danneggiamento: finiscono nei guai quattro persone a Sala Consilina. Lo scorso luglio, una Nissan Micra sfondò la vetrina di un negozio di scarpe di Sala, causando un incendio: inizialmente si pensò ad un incidente, ma le indagini successive dei carabinieri hanno portato alla scoperta di una truffa assicurativa che avrebbe fruttato alla banda circa 150 mila euro.

Un'ordinanza di custodia cautelare è spettata al capo della banda, C.G, 38enne, già detenuto a Milano, mentre un altro degli accusati sarebbe colpevole anche di minacce nei confronti del testimoni dell'incidente e detenzione e spaccio di droga. Obbligo di firma per altri tre: C.C. classe '77, L.A, 35enne e una donna, R.C., classe '75. Gli inquirenti hanno fatto sapere che era stato studiato tutto nei minimi dettagli dal promotore dell'azione per truffare l'assicurazione. C'era chi doveva procurarsi l'auto per inscenare l'incidente, chi doveva guidarla e dar fuoco, chi doveva fingere di essere alla guida e testimoniare il falso. Il piano, ad ogni modo, non è andato come previsto dai malviventi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vetrina incendiata a Sala Consilina: un incidente? No, una tentata truffa

SalernoToday è in caricamento