Ensemble artemus, quando la magia della musica diventa realtà

L'11 novembre a Scafati il debutto dell'orchestra giovanile dei maestri D'Aprea e Todisco

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Conto alla rovescia per il debutto dell'orchestra giovanile Ensemble Artemus, progetto nato dalla sinergia tra il maestro Francesco D’Aprea (presidente dell'Associazione Artemus) e il maestro Alfonso Todisco (direttore artistico), per divulgare musica di carattere sinfonico attraverso un ampio repertorio che vede principalmente l'esecuzione di colonne sonore di film epici. Un superteam composto da 25 musicisti con una sezione dedicata agli archi (violini, viola, violoncelli); una ai fiati (flauto traverso, clarinetto, sassofono contralto/tenore); una alla ritmica (batteria, percussioni, pianoforte e chitarra) e circa 30 tra solisti e coristi, pronto a riprodurre la magia di capolavori senza tempo forgiati da nomi immortali come Ennio Morricone, Nino Rota, Nicola Piovani e Hans Zimmer. Per il debutto dell'Ensemble, previsto il prossimo 11 novembre (alle ore 20), sul palco del teatro "San Francesco" a Scafati (Sa), saranno eseguite opere che vanno dal "Il Padrino" a "Star Wars" passando per "il Gladiatore" fino ad arrivare a "Cinema Paradiso". Non mancheranno inoltre "pezzi" classici come la quinta Sinfonia di Beethoven rivista in chiave pop jazz e composizioni moderne, ma sempre "disegnate" in chiave sinfonica. L'evento sarà presentato da Angela Rosa D'Auria. L'Ensemble Artemus è una delle poche realtà presenti sul territorio ad offrire un repertorio simile, pensato per un pubblico amatoriale ma anche molto competente in materia di "ascolto". Gli artisti dell'orchestra diretta dal maestro Todisco e presieduta dal maestro D'Aprea, rappresentano un po' il fiore all’occhiello dell'offerta locale composta dalle migliori "forze" giovanili musicali affiancate da autorevoli ed esperti maestri.

Torna su
SalernoToday è in caricamento