Anche gli studenti di Baronissi contro la riforma

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Anche gli studenti di Baronissi contro la riforma della scuola. Ieri mattina una delegazione dell'IIS Baronissi ha discusso della ''Buona Scuola'' di Matteo Renzi nella sede Gioventù Libera in Viale Ferrovia, preferendo alla manifestazione in piazza, un tavolo di discussione sui vari aspetti del progetto proposto dal presidente del consiglio. "Abbiamo ritenuto doveroso - dichiarano i giovani - dare un segnale forte con questa "assenza" mostrando platealmente il nostro dissenso. Teniamo ad esprimere la nostra disapprovazione principalmente contro la privatizzazione scolastica, diretta conseguenza di questo documento di riforma. Il nostro obiettivo - continuano - è quindi preservare il carattere libero della scuola pubblica. Questo disegno di legge, infatti, comporta un'inutile competizione tra gli istituti a discapito dei reali diritti allo studio di tutti. Sono le scuole più in difficoltà ad aver bisogno di fondi e non quelle dove già la qualità dell'istruzione è superiore. Le valutazioni attraverso le prove Invalsi, inoltre, sono sommarie e non costituiscono uno strumento efficace per individuare la qualità dell'insegnamento. "Voglio ringraziare il direttivo di Gioventù Libera a nome di tutti gli studenti dell'IIS Baronissi per aver accettato la proposta di aprire le porte della sede per questa riunione - dichiara Guido Scarano rappresentante degli studenti - non potevamo, infatti, restare spettatori passivi mentre si riforma la nostra scuola ed il mercato del lavoro contro i nostri bisogni e desideri. La Buona Scuola di Renzi - accusa Scarano - è una scuola troppo lontana dalle nostre esigenze; non possiamo accettare una proposta che ci prospetta solo un aumento della dispersione scolastica e che non garantisce il diritto allo studio."

Torna su
SalernoToday è in caricamento