Coronavirus, monitoraggio acque reflue: progetto Sari in Campania

Il progetto Sari punta a monitorare la presenza e la diffusione del virus nella popolazione residente nei bacini afferenti ai sistemi di depurazione, a integrazione delle attività di analisi epidemiologica basate sulla sintomatologia clinica

Un progetto sperimentale per tracciare la diffusione di Sars-CoV-2 in Campania attraverso il monitoraggio delle acque reflue. È quanto prevede una convenzione siglata tra il consorzio interuniversitario Cugri (Centro interuniversitario di previsione e prevenzione dei grandi rischi, a cui partecipano università di Napoli Federico II e università di Salerno), Istituto zooprofilattico sperimentale del Mezzogiorno e Arpa Campania. Le attività programmate rappresentano l'articolazione, a livello regionale, del Progetto di sorveglianza ambientale di Sars-CoV-2 nelle acque reflue in Italia (Sari), promosso e coordinato, a livello nazionale, dall'Istituto superiore di sanità (Iss), finalizzato a ottenere indicazioni sull'andamento epidemico e a fornire allerta precoce. Il progetto è partito dalla considerazione che, in alcune regioni del Nord Italia, sono state riscontrate tracce di Rna del Sars-CoV-2 anche in campioni di archivio prelevati prima delle notifiche dei primi casi di Covid-19 in Italia.

Il progetto Sari

In linea generale, il progetto Sari punta a monitorare la presenza e la diffusione del virus nella popolazione residente nei bacini afferenti ai sistemi di depurazione, a integrazione delle usuali attività di analisi epidemiologica basate sulla sintomatologia clinica. In tal senso, la presenza di tracce del virus nelle acque reflue diventa una "spia" della propagazione dei contagi sul territorio. In Campania, il progetto, denominato Sari_Campania, viene implementato tramite una convenzione siglata tra Arpac, amministrazione capofila, che ha il compito istituzionale di monitorare gli impianti di depurazione, il Cugri e lo Zooprofilattico, istituto già attivo nella gestione dell'emergenza sanitaria. Le attività programmate sono regolate da un protocollo elaborato e condiviso, a partire dalle Linee guida dell'Iss, ma rimodulato in riferimento alle particolarità del contesto insediativo e demografico campano e agli avanzamenti delle ricerche in corso a livello nazionale e internazionale. La fase di avviamento, auto-finanziata dalle parti, prevede un programma coordinato di campionamento e analisi di laboratorio di calibrazione su alcuni impianti-pilota ritenuti statisticamente significativi dell'intero contesto insediativo campano. La seconda fase, attivabile sulla base delle risorse disponibili e dell'andamento della pandemia, prevede l'estensione delle attività calibrate agli impianti di depurazione ritenuti prioritari dai soggetti istituzionali competenti. La diffusione dei risultati delle attività previste sarà curata dall'Istituto superiore di sanità nell'ambito dell'accordo-quadro nazionale con il Sistema nazionale per la protezione dell'ambiente

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm 3-4 dicembre: cosa cambierà, le anticipazioni

  • Salerno a lutto, è morto Ciro Di Lorenzo: ora veglierà sulla sua Maria Pia

  • Morte di Veronica, la Lucarelli contro un giornalista locale: "Era importante specificare che fosse innamorata?"

  • De Luca sul Covid: "In Campania non si andrà nelle seconde case", poi annuncia i lavori a Salerno e Battipaglia

  • Riapertura scuole in Campania, tamponi su docenti e alunni: De Luca firma l'ordinanza

  • Natale 2020, approvato il Dpcm: ecco le regole per spostamenti, negozi e scuole

Torna su
SalernoToday è in caricamento