menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il summit (Foto Massimo Pica)

Il summit (Foto Massimo Pica)

Chiesa del Galiziano, dibattito tra Napoli e residenti: si cerca l'intesa

Ieri sera la riunione alla presenza del sindaco e degli abitanti che da tempo criticano la costruzione dell'edificio religioso nell'area verde di Torrione Alto

Il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli, insieme al direttore dello Staff Alberto Di Lorenzo e all'assessore Mimmo De Maio, ieri sera, nella sede di Salerno Energia hanno incontrato i cittadini per discutere il progetto per la realizzazione di una nuova chiesa cattolica sul suolo di proprietà della parrocchia di San Felice e Santa Maria Madre della Chiesa, limitrofi al parco del Galiziano. La cittadinanza è stata invitata a partecipare ad un pubblico dibattito e confronto nel quale sono intervenuti gli stessi proponenti.

I commenti

Soddisfatto il primo cittadino: “Come Comune di Salerno abbiamo chiesto ai committenti di voler organizzare un incontro aperto ai cittadini proprio per discutere le specifiche del progetto. Si tratta di un’opera che ha molti spunti sociali, con sale per laboratori, luoghi di aggregazione sociale e spazi per svariate attività. Sono state ascoltate e valutate le opinioni di tutti per poter procedere al meglio, nel bene della collettività e del territorio". Gli fa eco Di Lorenzo: “L'incontro pubblico era un atto dovuto proprio in coerenza con la norma prevista nel codice per i lavori pubblici che prevede un confronto con la cittadinanza. Essendo un'opera che rientra nel pubblico interesse, va sottoposta al vaglio del consiglio comunale. Alla fine di questo incontro, dunque, non abbiamo deciso nulla, ma faremo tesoro di tutte le considerazioni dei residenti al fine, poi, di ridiscuterne nel corso del consiglio comunale. In quell'occasione, l'amministrazione comunale si prenderà la responsabilità di fornire una propria valutazione".

I progettisti, poi, hanno illustrato le planimetrie, la destinazione degli uffici e dei locali in generale, e di tutta l'area circostante sita nel quartiere di Torrione Alto. Inoltre, hanno specificato i materiali che verranno utilizzati "tutti in sintonia con l'ambiente circostante" e hanno ribadito che "in quell'area non vi sono vincoli di nessuna natura e il tutto è pensato in sintonia con gli standard disposti dalla Cei e con le norme urbanistiche del vigente Puc". A seguire, sono intervenuti alcuni cittadini i quali hanno esposto le proprie considerazioni. L'assessore De Maio, invece, ha sottolineato che "si è trattato di una discussione importante per l'amministrazione comunale, per la città e per questo quartiere. Nell'ambito di un confronto avutosi in precedenza con tanti consiglieri comunal, era nata una discussione accesa. Era necessario, dunque, questo incontro dove sono emerse tante sensibilità che dobbiamo rispettare. È nostro dovere trovare il giusto equilibrio tra le parti. Alla luce di tutte le testimonianze ascoltate, sono convinto che questo equilibrio si possa trovare, apportando, se necessario, anche alcuni suggerimenti che possano migliorare questo progetto".

Le conclusioni sono state affidate al sindaco Napoli il quale ha rimarcato quanto "questo dibattito sia stato costruttivo e appassionato. È stato importante comprendere quanti molti di voi intendano riconoscersi in modo identitario in questa chiesa. Tutti gli interventi sono stati utili e  il consiglio comunale, prima di fare le sue considerazioni, ne terrà conto. Appena si convocherà il consiglio comunale si metterà all'ordine del giorno la questione trattata. Speriamo che la decisione sia la più condivisa possibile ".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento