menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Provincia, Canfora con i dipendenti: "Condivido le loro preoccupazioni, intervenga il Prefetto"

Il numero uno di Palazzo Sant'Agostino: "I tagli finanziari pesantissimi previsti per il prossimo anno non possono e non devono mettere a repentaglio posti di lavoro"

Il presidente della Provincia Giuseppe Canfora torna a lanciare l'allarme sulla situazione economica dell'Ente e in particolare sui tagli al personale. “Le notizie che giungono dal Governo e dal Parlamento giustificano le preoccupazioni non solo dei dipendenti delle Province e delle loro organizzazioni sindacali, ma anche mie e della mia amministrazione, nonostante il quadro normativo non sia ancora definito”. Per il numero uno di Palazzo Sant'Agostino “i lavoratori della Provincia di Salerno troveranno me e la mia amministrazione sempre al loro fianco. I tagli finanziari pesantissimi previsti per il prossimo anno non possono e non devono mettere a repentaglio posti di lavoro, in un’area già colpita così profondamente dalla crisi e dalla disoccupazione. Tanto più perché tutto questo si ripercuoterà inevitabilmente sulla quantità e qualità dei servizi erogati dalla Provincia a favore dei propri cittadini (strade, scuole, trasporti, ambiente, cultura, ecc)".

"Qualsiasi iniziativa di riordino o di superamento delle Province - ribadisce Canfora - non deve essere pagata dai lavoratori e, in definitiva, dai cittadini". Di qui l'appello: "Al Prefetto Pantalone chiedo di farsi interprete della insostenibile situazione che i dipendenti della Provincia si trovano a dover affrontare e chiedo di porre in essere ogni iniziativa, nei suoi poteri, tesa a scongiurare un peggioramento della crisi economica e sociale per il nostro territorio”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

Attualità

Covid-19: la Campania verso la conferma in zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento