Sabato, 24 Luglio 2021
Cronaca

Nocera Superiore, morta per "abuso di farmaci": 90 giorni per la verità sul decesso di Anna

E' il tempo richiesto dal collegio peritale nominato dalla procura, dopo l'autopsia effettuata sul corpo nella giornata di ieri

Novanta giorni per conoscere la verità sulla morte di Anna Milite, la 46 enne di Nocera Superiore con la passione per il culturismo, deceduta il 28 luglio scorso presso l’hospice dell’Asl “La casa di Lara”, a Salerno, dove era ricoverata in gravi condizioni dal marzo scorso. E' il tempo richiesto dal collegio peritale nominato dalla procura, dopo l'autopsia effettuata sul corpo nella giornata di ieri

Il sequestro della boccetta

Le tre persone indagate, un medico nutrizionista e due preparatori atletici, sono accusate in concorso di morte in conseguenza di altro delitto e uso e somministrazione di farmaci. I carabinieri della stazione di Nocera Superiore avevano avviato le indagini su delega della procura, che ora cercherà di scoprire le cause del decesso ma anche il potenziale effetto di un abuso di farmaci che avrebbe stravolto il fisico della donna, da un anno a questa parte. Questo almeno quanto denunciato dalla famiglia, assistita dall'avvocato Alfonso Esposito. Sotto sequestro è finita anche una boccetta di un farmaco, senza alcuna etichetta, nella disponibilità della vittima, i cui funerali si terranno domenica, presso la chiesa di Pecorari a Nocera Superiore. I risultati dell'esame autoptico dovranno inoltre accertare l'esistenza di eventuali patologie nella donna, e la possibile concausa di un uso di anabolizzanti di cui la donna avrebbe abusato. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nocera Superiore, morta per "abuso di farmaci": 90 giorni per la verità sul decesso di Anna

SalernoToday è in caricamento