Cronaca

Nocera Superiore, truffa dello specchietto: 30enne condannato per estorsione

La vicenda risale al 2013: l'uomo fu denunciato per aver simulato un incidente con la propria auto, che andò ad urtare una seconda vettura. Una volta a contatto con la vittima, l'imputato chiese a gran forza dei soldi per danni che lui stesso aveva provocato

Provocò l'urto della sua auto con un'altra, fingendo un incidente e chiedendo soldi in cambio. Con l'accusa di estorsione, è stato condannato a 2 anni e 4 mesi Domenico Abruzzese, arrestato nel 2013 perché impose il pagamento di una somma in denaro ad una persona, dopo averne individuato l'auto e messo in atto il suo piano. La sentenza è stata emessa dal gup Giovanna Pacifico.


I fatti si svolsero a Nocera Superiore: dopo aver provocato il botto tra le due auto, Abbruzzese chiese conto all'altro guidatore dei danni. La richiesta di soldi fu immediata, circa 100 euro. Al termine della diatriba, ne ottenne 50, ma fu denunciato poco dopo alla stazione dei carabinieri locale. La vittima, infatti, certa di non aver commesso alcuna infrazione, raccontò tutto ai militari che raccolsero la denuncia, inviando tutto alla procura. Compreso numero di targa e modello dell'auto. L'uomo fu rintracciato poco dopo e arrestato in flagranza. Giorni fa la condanna per estorsione, con sullo sfondo la classica truffa conosciuta come quella "dello specchietto".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nocera Superiore, truffa dello specchietto: 30enne condannato per estorsione

SalernoToday è in caricamento