menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ospedale unico della Valle del Sele: la Cisl proclama lo stato di agitazione

Antonacchio: "L'ipotesi dell'ospedale unico non ha in nessun modo valutato la necessità di garantire un'organizzazione dell'offerta territoriale e di prossimità adeguata e la sicurezza degli interventi di emergenza-urgenza"

Pietro Antonacchio, segretario della Cisl Fp, interviene riguardo la possbilità di creare un ospedale unico nella Valle del Sele. "In riferimento all’ultima  ipotesi di riorganizzazione della rete ospedaliera, la Cisl ritiene di dover rimarcare alcuni concetti già espressi precedentemente - commenta Antonacchio -  E’ inutile sottolineare che, per fortuna, dopo anni di discussioni si è addivenuti alla considerazione che l’ospedale unico può essere, all’interno di una dipartimentalizzazione orizzontale e trasversale, una coerente pratica immediatamente realizzabile, se e qualora si decida di affrontare il problema in un’ottica di valorizzazione delle eccellenze e delle specialità e di razionalizzazione delle duplicazioni esistenti per evitare ulteriori sprechi derivanti da vecchie logiche clientelari cui seguivano proliferazione di incarichi, allo stato difficilmente sostenibili.Bisogna, però, prendere in seria considerazione, per le ragioni che passeremo ad esporre, che l'ipotesi elaborata, per quanto attiene le nostre semplici osservazioni, non ha valutato il fabbisogno ed i servizi esistenti, non ha in nessun modo valutato la necessità in primis di garantire un’organizzazione dell’offerta territoriale e di prossimità adeguata e la sicurezza degli interventi di emergenza-urgenza - continua il segretario - In assenza di tali evidenti peculiarità qualsiasi progetto di riorganizzazione è destinato a naufragare, con grave perdita di qualità dell’assistenza e del numero delle prestazioni. Quello che nei fatti si sta realizzando è una riorganizzazione della rete ospedaliera utilizzando il solo criterio della riduzione del numero dei posti letto, e con ciò si rischia di fare delle scelte paradossali che non garantiscono ai cittadini un’assistenza sanitaria pubblica accessibile, efficiente, efficace e di qualità"

"Siamo sicuri che la difesa incondizionata di posti letto non è una strada da perseguire per il solo scopo di realizzare una sanità che risponda ai bisogni dei cittadini, ma siamo altrettanto certi che non si può procedere con criteri prevalentemente ragionieristici - incalza Antonacchio -Occorre organizzare e riqualificare i servizi socio-sanitari al fine di offrire le giuste tutele in termini di tempestività e sicurezza, soprattutto nella capacità di trattare le emergenze e rispondere sui territori in cui si vive l’effettivo bisogno di salute, in particolare nelle condizioni di cronicità e fragilità. Tutto ciò non potrà essere realizzato se non si analizza la realtà nella quale si vuole intervenire, non si garantisce la contemporaneità delle riconversioni e del potenziamento dell’assistenza territoriale, e non si coinvolge nel processo la cittadinanza e le organizzazione civiche e di pazienti. Per tutto quanto sopra esposto - conclude il segratario della Cisl Fp - si proclama lo stato di agitazione e si convoca una assemblea di tutti i lavoratori degli ospedali di Battipaglia, Eboli, Oliveto Citra e Roccadaspide che si terrà lunedì 10 marzo alle ore 9,00 presso la sala riunioni dell’Ospedale di Eboli".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento